MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Cumpa > Archivio | Blog | Chi siamo | Disegni | Foto | Perle | Storie | Voci

LOADING...
Sei in: Home > Cumpa > Storie > Capodanno ad #AFFANC1


CAPODANNO AD #AFFANC1 - 10 YEARS LATER - LA TRAGEDIA CONTINUA
"Quasi dieci anni dal mio primo racconto, e sono ancora vivo. Ivan Piombino e Kastrox Che grandissima rottura di cazzo!"

Così pensavo una fredda notte di dicembre quando il calendario, impietoso come il riflesso di uno specchio al mattino, mi suggeriva l'impellente scadenza: pochi giorni ancora e sarebbe arrivato lui.
Il Capodanno.

Iniziai a progettare il suicidio, poi mi ricordai che stavano per cacciare dal lavoro Ivan Piombino e Kastrox e dovevo per forza andare a fare le foto per metterle su marok.org.
Da grandi poteri derivano grandi responsabilità.

PROGETTI PER UN BUON CAPODANNO

Come in ogni Dicembre che si rispetti, l'aria nella Cumpa era carica di omertà e rassegnazione.
La strategia dominante era quella brevettata da Minitony: rimanere ognuno a casa propria, da soli, e fare un cazzo fino all'epifania, per battere il record di non frequentazione di esseri umani. E/o handicappati.
Mi aveva praticamente convinto, finché non ricevetti la comunicazione dall'autistico Grumo: "Questo Capodanno vado al mare ad Andora. Con i miei amici!"

Non era possibile: per la prima volta nella storia persino Grumo a Capodanno usciva di casa!!! Ok che Andora è il paese dei disperati, ma non potevo assolutamente vivere un Capodanno più autistico di quello dell'autistico Grumo, dovevo a tutti i costi organizzare anch'io qualcosa. Mi feci un paio di birre, mi fumai una canna, feci tre o quattro rutti, una scorreggia, alle cinque mandai l'sms al Favone Grassone e andai a dormire: per oggi avevo pensato troppo.

La seconda alternativa mi venne proposta qualche giorno dopo dalla mente eletta per eccellenza: Ivan Piombino. Da quando stava con il culo in mezzo ad una strada, aveva tutto il giorno per pensare.
"Facciamo Capodanno in piazza a Bergamo con Elio ed Alan Magnetti!"

Capodanno in piazza.
A Bergamo.
Con Ivan Piombino.
Generai un filtro che ad ogni sua nuova email rispondesse "FANKULO!", mi feci un paio di birre, fumai una canna, feci tre o quattro rutti, una scorreggia e, mentre aspettavo le cinque per mandare l'sms al Favone Grassone, entrai in chat su #affanc1: per oggi avevo pensato troppo

"Marok - mi disse l'anale Pelodia - JJ mette la casa per Capodanno!!!"

L'IMPREVISTO

Giggi Modello fronte Giggi Modello retro
JJ, alias JJFlash, alias Giggi Fottone
, è un bizzarro individuo partenopeo con il quale negli anni abbiamo coltivato un ottimo rapporto via chat: appena arriva mezzanotte ci dice che è stanco e vuole andare a dormire. Allora si fa a gara a chi lo tiene online più a lungo, bombardandolo con cazzate, link porno, link nerd, link pornonerd, ed il brillante risultato è che ogni volta si fossilizza davanti al monitor e poi, quando si accorge che si son fatte le cinque, inizia a cristonare in partenopeo stretto dicendo che non si può andare avanti così e che vaffankulo lui il giorno dopo blablablablagnègnègnègnè. Di questo evento, purtroppo, sono spesso l'unico testimone, perché tutti gli altri si arrendono prima... peccato.

A questo punto, chiunque può evincere che il nostro amico Giggi equilibrato NON sia, ma nessuno avrebbe mai potuto supporre che un bel giorno sarebbe arrivato ad un livello tale da mettere la casa a Capodanno senza che l'avessimo preventivamente fatto ubriacare o sottoposto a tortura. La vita è piena di sorprese. L'handicap anche.

Speravo molto nella casa Fottone® originale, a Napoli, perché Capodanno a Napoli poteva rappresentare una delle più sublimi forme di suicidio.
Invece, JJ decise che avrebbe sacrificato la casa di Roma. Andava bene uguale, l'essenziale era che ci fosse roba da sfasciare.

Già che eravamo a Roma, provai a chiamare tutti gli handicappati romani che conoscevo per sapere se volessero agglomerarsi intorno al nostro handicap.
La risposta che ottenni fu un fankulo generalizzato.
"Però magari ci vediamo la sera dell'1 per una pizzata!" mi dissero le Fave Romane.
Annotai la proposta sul Libro Mastro dei Pacchi.

GODAI

La sera successiva indicemmo un raduno handicap in chat su #affanc1 per fare il punto della situazione. Mancava solo JJ, ma era normale: ormai quando gli dicevano: "Oh, sta arrivando Marok!" scappava e barricava il computer, pur di non fare le cinque.
Comunque, il consenso per occupare casa Fottone fu unanime, con l'unica eccezione di Gnapppo la formica di merda che ci disse che a salire a Roma si sarebbe sentito troppo terrone e quindi fankulo.

"Sapete la novità? - eruppe la giovane Serenity - viene anche GODAI!!!"

GodaiGodai.
Da qualche parte avevo già sentito questo nome, sempre e rigorosamente inserito in locuzioni dispregiative... eppure, oltre al nome, nulla più.

"Ma c'è posto in casa Fottone? - obiettai - già sarà un casino stare in quattro..."
"Non c'è problema, Godai alla peggio dorme a casa sua! - mi rispose Serenity - Anzi, perché non gli facciamo una bella sorpresa e non andiamo tutti da lui?"

La mozione "sfasciare due case al prezzo di una" fu approvata all'unanimità. L'unico vincolo era mantenere il massimo segreto: nessuno dei due padroni di casa avrebbe dovuto sapere dell'esistenza della casa dell'altro finché non l'avessimo rasa al suolo! Acqua in bocca, culo ai cessi, mano ai cazzi!

In un attimo di silenzio mi permisi di muovere solo una piccola obiezione: "Scusate ma... secondo voi a Capodanno, se siamo a casa di questo cazzo di handicappato di Godai... devo continuare a fare finta di sapere chi è?"
Attimo di gelo.
"Io direi di sì - rispose Serenity - comunque è IL MIO RAGAZZO!"

Perfetto.

"Oh, comunque non mi fotte chi mette la casa - conclusi - non mi fotte quanto è handicappato e non mi fotte se poi appena mi vede chiama la polizia, io appena arrivo voglio trovare roba da bere, da mangiare e da sfasciare!"
"Se tutto va bene ci sarà anche gnocca - diceva l'anale Pelodia - perché ci saranno Serenity e Pompina, con le amiche fighe!!!"
Questa è la classica frase che preannuncia la tragedia.

Mi sparai qualche ora di MTV a volume zero per memorizzare com'era fatta la figa visto che non ne avrei più vista fino al 2005, poi feci le valigie, mandai gli auguri di "Buon Anno Handicappato" alla mailing list dei Diversamente Figati, alle cinque mandai l'sms "BUONGIORNO!" al Favone Grassone e finalmente andai a dormire.
L'indomani mi aspettava un lungo viaggio.

SI PARTE!!!

Appuntamento alla stazione di Roma alle ore 18:15.
Prendere il treno che parte da Torino e va al Sud è sempre un'esperienza stupenda: per tutto il tempo si sentono pensionati che, con spiccato accento napoletano o palermitano, ribadiscono che i marocchini devono tornare a casa loro, gli immigrati fottono il lavoro agli italiani, fanno schifo, ci hanno i pidocchi, la droga e l'aiddse, e io è tutta una vita che lavoro e a questi con la mia pensione non li mantengo, in Italia ci devono stare gli Italiani e i negri devono stare in Negria e soprattutto "A mia nipote se u ggiorn' 'a ved' assieme a 'u strunz' 'e vu cumprà la crép 'e mazzate!". Sono cose che fanno bene.
Chissà cosa diranno i pensionati rumeni e vu cumprà nel dicembre 2050.

Comunque, iniziai un nuovo gioco: mandai a Pelodia sms di insulti nel dialetto delle regioni che stavo via via attraversando.

"Balengu 'd crin 'd cujunàss! Andè a caghè an Tani, e peu ant-la carbunin-a che quandi a casca la strùns at vèn al cù nèir!!! Andevlu piè 'nt el cù!!!"
"Galusci blucerchiati!!! Bulicci!!! Teste di belìn!!!"
"A Pisani bui di culi buhaioli sudici caapranzi spaccascurregge tegàmi i budelli delle vostre ma'!!! Vi si piantan dugénto fave su pe' i' culo... che almeno servite pe' qualcosa: a concimalli!!! Meglio un morto in casa che un Pisano all'uscio! Se la merda fosse oro, a pisa c'è il tesoro!!!"
"Ahòòòò! Sto ad arrivà, all'anima de li mortacci vostra! Se nun ce state ve piglio a calci ne' 'r culo finché nun v'ho spaccato li denti! Ma vaaaaffankuloooo!".

Il viaggio mi sembrò incredibilmente breve.

Salutati a malincuore i miei allegri compagni di viaggio terroninazifascioleghisti, mi accorsi di essere arrivato a Roma Termini in perfetto orario.
Credevo che non avrei trovato nessuno ad aspettarmi, come da tradizione... e invece Serenity fu.

Dopo anni di chat per la prima volta ci vedevamo dal vivo... che romantico!
"Sì vabbe' però fai la faccia più handicappata - mi disse - se no non ti riconosco!"
Il bello di Internet.

Ci recammo all'Assistenza Disabili della stazioneAssistenza Disabili della stazione, dove avevamo appuntamento con gli altri handicappati.
JJ arrivò dopo dieci minuti, l'extracomunitario Evaristo e l'anale Pelodia dopo una mezz'ora. I terroni puntuali, i nordici in ritardo. Non c'è più religione.

Evaristo ostentava un look anni settanta stupendo, un misto tra un rocker etno e un ambulante delle vie del centro, ma la cosa più inquietante era che continuava a ricevere telefonate intercontinentali alle quali rispondeva sempre in una lingua diversa e, soprattutto, con una voce diversa. Era fantastico.

"E la pheega?" chiesi all'anale Pelodia.
"Non c'è ancora... Pompina e amiche arrivano domani..."
"Ah... e il mio amico Godai?"
"Non viene - mi rispose Serenity - perché ieri gli è USCITA UNA SPALLA!"
"Ah... da dove?"
La risposta si perse nel frastuono del metrò, che, rapido e puntuale come un'inculata, ci scaricò nel pozzo nero dei nostri destini: eravamo a casa Fottone.

CASA FOTTONE

La casa di JJ Fottone era discretamente in culo ai lupi, però davanti a casa non c'erano troie. Peccato.
In compenso JJ era ossessionato dai ladri, così barricava tutte le tapparelle ogni volta che metteva il culo fuori di casa, e le sbarricava ogni volta che lo riportava dentro... siccome il culo se lo spaccava lui, noialtri non avevamo niente in contrario.

Il Cesso di casa Fottone La casa era molto più ordinata di quanto me l'aspettassi: c'era qualche traccia di merda in cucina ma non c'erano tracce di cibo nel cesso.
Era anche abbastanza grande: ben tre camere oltre la cucina. Una delle camere però non si poteva sfasciare perché ci abitava il coinquilino gay, che ora però non c'era.
Il frigo era pieno di birre, ma non le potevamo bere perché erano del coinquilino gay, che ora però non c'era.
Chiesi se questo coinquilino gay che ora però non c'era sarebbe stato dei nostri a Capodanno. JJ scosse la testa: gli aveva detto che, per l'annuale inculata, si sarebbe rivolto a dei professionisti! Faceva male a sottovalutarci.

L'L'anale Pelodiaanale Pelodia mi portò a fare il giro turistico di casa Fottone, mostrandomi come tutti i mobili fossero marroni; e, secondo lui, una casa in cui il colore dominante è il marrone è un classico segno di coprofilia e/o coprofagia latente.

"La coprofagia latente è ovunque - diceva l'anale Pelodia - perché l'uomo è per natura attratto dalle cose marroni. La cioccolata è come una droga, la carne cotta assume un colore marroncino, come del resto anche il pane... insomma, tutti amano le cose marroni perché tutti ambiscono a mangiare la merda!"
Subito dopo stappò una Pepsi Twist.
Marrone.
Ma solo perché fa ruttare.

Immerso nelle avvincenti teorie dell'anale Pelodia, capii che casa Fottone era un'universo da scoprire. Non a caso avrebbe riservato ancora molte altre sorprese, tra cui il bellissimo calendario della Padania ed un accrocchio assurdo a forma di pedana lampeggiante che si collega al computer e ci balli sopraAccrocchio Nerd.
Non avevo mai visto niente che potesse incrociare a tal punto i concetti di trash e di Nerd... non vedevo l'ora di filmare JJ che ci saltava sopra ubriaco per metterlo su marok.org

QUANDO L'HANDICAP.

Il Pelo, da buon cuoco e da buon emiliano, ci disse che a Capodanno avrebbe assolutamente voluto cucinare il cenone di Capodanno, perché l'aveva fatto tutti gli altri anni ed erano tutti stati anni di merda.
Eva drunk Dopo rapida discussione, convenimmo che le priorità del Capodanno sono alcool, fumo e sfasciare la casa (naturalmente, volendo fare un discorso puramente teorico, ci sarebbe anche la figa, ma noi non siamo omologati) però guardare qualcuno che lavora è pur sempre sublime poesia... quindi il popolo disse sì.

Intanto, si erano fatte le otto e in casa non c'era un cazzo da mangiare.
Optammo per un kebab... ma non in un locale, perché andarci sapeva fatica: JJ telefonò al posto più vicino e gli disse di portarci un po' di kebab a domicilio.
I kebab sarebbero arrivati un'ora e mezza dopo.
Freddi.
E sapevano di merda.

E va be', non di solo kebab vive l'uomo... anche di figa... ma noi no: non siamo omologati. Infatti l'anale Pelodia Peloline passò la sera a contattare pseudo-giovani donne nella speranza di trovarne qualcuna che gliela mollasse a Capodanno e, dopo l'ennesimo vaffankulo, chiamò la sua amica Pompina per sapere a che ora sarebbe arrivata.
Lei, ma soprattutto le sue fantomatiche amiche potenzialmente fighe.
Ci disse che era appena salita sul treno ma poi si era accorta di avere la febbre ed era tornata indietro. Con le fantomatiche amiche potenzialmente fighe.

Era uno dei pacchi più epici che avessi mai ricevuto nella vita.

E va be'... quando la figa manca, l'handicap abbonda: ci chiamò il Colonnello Nunziatella, anche lui a Roma.
"Oh, ci vediamo da qualche parte a Capodanno?"

Dopo breve consulenza con la giovane Serenity, stabilimmo un gancio in piazza dell'Agricoltura perché è JJ meets dottor Marok pieno di patata, e decidemmo che la nostra ultima azione della serata sarebbe stata telefonare a Sanfru.

"Pronto - dissi - Sei Sanfru? Sono Max Kava!"
"Oh, buongiorno!" rispose Sanfru, serissimo.
Buongiorno. Alle dieci di sera.

"Ti volevo salutare per Capodanno... - continuai - sono con Marok... adesso te lo passo!" e gli passai la giovane Serenity, sussurrandole: "Digli fottitifottitifottitifottitifankulofankulo!"
"Ciao! - disse la giovane serenity - Fottitifottitiftiaodjfisadiadoijolkjljnkulo!"
"Ciao - rispose Sanfru senza fare una piega - dove siete?"
"A Roma! Aspetta, ti passo Rese!"

Serenity passò il telefono ad Evaristo, che nell'arco di un minuto si qualificò come Rese, Gnapppo, Pelodia, Godai, Lindo e il Colonnello Nunziatella senza mai cambiare nè lingua nè voce, e poi attaccò il telefono.

Iniziammo inevitabilmente a parlare di Sanfru.
Volevamo ricordare tutte le gesta handicappate che aveva compiuto nella sua seppur breve vita e ci venne in mente l'unica sua frase intelligente: "Io vi ho conosciuti nel 2001 e avete passato tutto il 2001 a rimpiangere il 2000, il 2002 a rimpiangere il 2001, il 2003 a rimpiangere il 2002, il 2004 a rimpiangere il 2003... ci sarà un giorno in cui rimpiangeremo il 2004?"
Dottor Marok Come tributo a Sanfru, dedicammo quella sera al rimpianto del 2004.

Di fronte a tanto sfacelo, l'anale Pelodia estrasse dal suo zaino una tastiera giocattolo con ben otto tasti di cui uno scordato, e tenne un concerto in nostro onore. Decidemmo di dormirci su, e ci mandammo tutti quanti affankulo.

I RIFORNIMENTI

Serenity ci telefonò di buon mattino, verso mezzogiorno, dicendoci che il mio amico Godai non sarebbe mai potuto venire da noi perché la spalla che gli era uscita non era ancora ritornata e lui era preoccupato. Quindi saremmo dovuti andare noi da lui, casa sua era fuori Roma, avremmo dovuto fare la cena con i suoi, l'ultima metro passava alle undici e mezza e là non c'era un cazzo da fare.
La giovane Serenity La mandammo coralmente ed improrogabilmente affankulo, ma non prima di averle promesso che il pomeriggio dell'uno saremmo sicuramente passati a trovare lei, Godai e la spalla di Godai, così non si sarebbero sentiti soli.
Ci eravamo giocati l'unica giovane donna della serata.

Senza farci caso, da quando ci eravamo svegliati non avevamo smesso un attimo di bere.
Il brillante risultato fu che la birra era finita, e questo è l'unico stimolo che può portare un uomo di razza bianca caucasica ad uscire ed andare a fare la spesa.
Ce ne andammo affanculo all'ipermercato.

La distanza da casa JJ non era molta: soltanto una fermata di metrò. Tuttavia per arrivare al binario occorreva superare un durissimo test preselettivo attitudinale: la macchina obliteratrice.
Handicap all'obliteratrice In tutti i posti normali, la macchina ha un solo foro e timbra il biglietto a prescindere dal verso in cui è inserito. A Roma no. A Roma ha più fori, dei quali sono uno è quello giusto, e il biglietto va inserito con precisione millimetrica, ovviamente nel verso giusto. Inoltre, se la macchina si accorge che uno è il webmaster di marok.org, risponde SOKA a prescindere, anche se tutti i restanti parametri sono corretti. Così, dopo mezz'ora di tentativi, me lo feci timbrare da JJ: alla sua condizione di collaboratore di marok.org non aveva creduto nemmeno la macchina obliteratrice.

Guardandomi attorno, notai che il Evaristolook di Evaristo migliorava giorno dopo giorno: adesso aveva abbinato alla tenuta da ambulante la maschera dei Tre Allegri Ragazzi Morti, un unico enorme teschio.

L'accoglienza dei passanti e dei clienti dell'ipermercato fu calorosa, si passò dal classico: "Anvedi quello!" al più colorito: "Ahò, quello sta a morì!" al più internazionale: "Ma vaffankulo!". Bei momenti.

E va be', una veloce capatina nel reparto giocattoli perché l'anale Pelodia voleva esibirsi in una session di chitarra e poi ritornammo a casa, con OTTO borse piene di generi alcoolici più qualche chilo di carne suina, perché lo chef Pelodia dice che da lui in Emilia non c'è vita senza il maiale.
Majal Carciofotto
Pelo rock Eva shopping

VACANZE ROMANE

JJ non aveva mai usato la sua cucina, il coinquilino gay l'aveva usata qualche volta per il solo gusto di versarci sopra delle porcate senza mai pulire un cazzo, e adesso era ridotta ad un'unica grande discarica di merda. Però incrostata.

Passammo un po' di tempo a guardare il Pelo che puliva, e poi decidemmo di andare a fare in culo per la Capitale.
Tutti tranne JJ, perché gli sapeva troppa fatica.

I resti di casa JJ Il look etno-death di Evaristo creava perplessità solo nei passanti autoctoni: i turisti stranieri pensavano che girare con un teschio in faccia facesse parte del folklore locale e quindi non dicevano nulla.

Eva ripeteva che non avrebbe avuto pace finché non avesse trovato una copia del Manifesto dell'ultimo giorno dell'anno. La trovò abbastanza in fretta, quindi smise presto di rompere i coglioni.
Il Pelo invece voleva a tutti i costi visitare tutti i negozi di dischi di Roma entro la fine del 2004, e tutti quelli in cui arrivavamo avevano appena CHIUSO. Si calmò solo quando vide che girando a cazzo eravamo capitati di fronte a palazzo Chigi, realizzando un suo grande sogno.
La vista di tanta meraviglia creò scompensi nella già provata mente di Evaristo, che prima iniziò a fare telefonate in lingue sconosciute e poi mi intimò di fargli una foto, che avrebbe intitolato: La morte insidia il potereLa morte insidia il potere.

"Giovane! - urlò una voce alle nostre spalle - Ehi giovane!!!"
Io non mi voltai, perché ormai non era più il caso.
Evaristo nemmeno, anche perché in quel momento stava telefonando in norvegese.
Si voltò invece il Pelo che, allarmato, urlò: "Eva! Vieni qua subito!!!".

Ci voltammo e vedemmo un amico poliziotto, che chiese ad Evaristo di favorire i documenti.
Evaristo non si fece pregare, e, senza togliersi la maschera, gli consegnò subito la carta di identità.
"Lei non ha un nome italiano..." commentò il poliziotto.
"Eh no..." rispose Evaristo... avevo il terrore che gli scoppiasse a ridere in faccia da un momento all'altro, anche perché ero sicuro che oltre a lui avrebbero blindato anche me.
Colonna e morte Il poliziotto confrontò la fotografia del documento con il teschio che Evaristo aveva in faccia, lesse: "Nato ad Alexandria (GB)", mormorò tra sè e sè: "Chissà che cazz' di provincia è Gibbì..." e poi partì con la paternale.
"Sent' - disse - qua siamo in Italia, e in Italia non si può andare in giro TRAVISATI!"
"Capisco..." commentò Evaristo, togliendosi la maschera.
"Perché a Capodann' mmi shta bbene che un' si prend' 'na bella figliola eccètera, ma shtar' in cella è bbrutt'..."
"Eh sì..." commentò Evaristo, con aria seria e responsabile.
"Pensat' che pur' a Carneval' noi andiamo in gir' tra i travisati, a controllar'..."
"Ah, ma anche voi travisati?" chiese Evaristo
"Eeeeeeh... quest'un te lo poss' dire..."
"Lo prendo come un sì!" rispose il travisato, con un ovvia citazione ad un bel film di Michael Moore che lo zelante ufficiale non avrebbe colto nemmeno dopo un corso di cultura generale lungo qualche migliaio di anni.

Ce ne stavamo già andando, quando il nostro amico ci salutò, dicendoci: "...e fate i brav', perché non è ccosa, guardat' che chi va in carcer' a Capodann'..."
"Va in carcere tutto l'anno?" chiese il Pelo.
Di fronte al silenzio del nostro interlocutore, optammo per una coraggiosa ritirata e così, con le pive nel sacco, la maschera in mano e l'uccello in letargo, tornammo alla base, del tutto ignari che pochi minuti dopo in quella piazza un giovane mantovano chiamato Roberto Dal Bosco avrebbe tirato un treppiede contro Berlusconi.

Tutto vero: in quella piazza, pochi minuti più tardi, ci sarebbe stato il primo ATTENTATO a Berluskoni della storia... quello col CAVALLETTO!

E io me l'ero perso.
E quindi non ho fatto il filmato.
E quindi non l'ho messo su marok.org.
Il più grande rimpianto di tutto il 2004!!!
Vaffankulo.

DISAGIO ALIMENTARE

Senza che ce ne fossimo accorti si era fatto il 31 pomeriggio.
L'anale Pelodia all'opera Al Pelo non era rimasto altro scopo nella vita se non quello di preparare il cenone, così si incollò ai fornelli in modo ermetico ed iniziò ad armeggiare con il maiale.
Vedere qualcuno che lavora ha sempre un che di meraviglioso... così io Eva e JJ ci fermammo estasiati ad illuminarci di cotanto spettacolo e ci attaccammo alle birre.

Nonostante fossimo arrivati da città diverse, avessimo usi e costumi diversi e prendessimo due di picche da fighe diverse, eravamo tutti a conoscenza di alcune leggi fondamentali che valgono in ogni parte del mondo.
La prima è che non si può andare in giro travisati, la seconda è che, quando intorno ci sono amici ubriachi, non bisogna lasciare la propria macchina foto in giro. L'anale Pelodia contravvenne a questa regola. Cliccate qua per vedere il risultato.

I risultati I risultati


E va be'... ci consolammo constatando che, a sorpresa, i frutti delle fatiche del Pelo erano secrezioni di grande pregio, che ben si accompagnavano all'ottima bottiglia di vino magistralmente stappata da JJ.
Con un cacciavite.
Dopo aver chiesto un cavatappi ai vicini di casa.
Che l'avevano mandato affanculo perché stavano trombando.
Loro.
Sarebbe stato un bel Capodanno.

IL BRINDISI!

Il cenone tirò avanti per le lunghe, perché le radici emiliane dell'anale Pelodia l'avevano spinto a tarare le porzioni sul fabbisogno alimentare di una divisione intera di porci da combattimento.
Ed anche perché tra una portata e l'altra ci leggevamo le statistiche delle parole di accesso di marok.org del 2004 (menzione speciale a "mandrie di troie" e "sborra sugli occhiali") ascoltando in sottofondo gli SBORROH del Favone Grassone e le stronzate dei cd di Radiophiga.
E così, a mezzanotte, eravamo ancora a casa, a mangiare e bere come disperati.

Salutammo il nuovo anno con un soave fottitifottitifottitifottitifankulofankulo e, appena finito il brindisi, JJ ci ricordò che prima di uscire dovevamo ancora mangiare il pandoro che avevamo comprato all'ipermercato.
Lo prendemmo a calci (il pandoro, ma un po' anche JJ) e ricominciammo a bere.

Contro ogni previsione, il primo a soccombere al suo stesso cenone fu lo chef Pelodia, che ad un certo punto si alzò da tavola, si accasciò sul letto, L'anale Pelodia in coma mormorò: "Minchia io non ho il fegato, ho solo l'intestino!" e poi si spense nel coma.

Evaristo rimase un po' a fissarlo con aria perplessa, poi si alzò e se ne andò fuori dalla stanza, senza dire nulla.
Pensavamo fosse andato al cesso ed invece, ad un attento esame, vedemmo che di lui non c'era più traccia in nessuna parte della casa.

Lo ritrovammo soltanto un quarto d'ora dopo, in cima alle scale del palazzo, che guardava verso l'alto, barcollando, e ripetendo: "Volevo vedere se la casa aveva il tetto!".

Nonostante fosse in coma, il Pelo si precipitò su per le scale perché voleva vedere Evaristo ubriaco con i suoi occhi prima di leggerlo su marok.org. Poi decise che era meglio morire in casa: c'era un fottio di roba da bere. E potevamo telefonare gratis.

Per ovvie ragioni ne approfittammo subito, chiamando per primo l'artista Alan Magnetti, a cui proponemmo "Il volo della fenice drunk remix", una riedizione della sua hit per voce ubriaca e tastiera sminchiata, che lui commentò con: "Bravi! L'avete abbastanza fatta bene..."
Era Capodanno per tutti.

"In quanti siete?" mi chiese Alan.
Gli elencai i partecipanti al megafestone, ovvero JJ, Pelodia ed Evaristo, alias l'extracomunitario che a Padova gli aveva chiesto: "Tu sei Alan Magnetti del sito di Marok?"
Alan insistette per salutarlo, così prendemmo Eva, gli mettemmo il telefono davanti alla bocca, lui urlò: "FANKULOOOOOO!!!" e ritornò in cucina a bere.

Ero ammirato da Evaristo che vagava per la casa completamente sverso, ridendo e suonando l'armonica, e mi venne in mente che era il mio primo capodanno vissuto a casa di qualcuno che, passata la mezzanotte, non era ancora sclerato, non aveva cercato di sbatterci fuori, né aveva chiamato la polizia.
Fu più o meno allora che JJ si destò dal suo naturale torpore ed iniziò a borbottare qualcosa sul fatto che lui non aveva mai avuto a che fare con gli ubriachi, che non sapeva come comportarsi con gli ubriachi, di pensarci noi che era amico nostro e che l'anno prossimo blablablagnégnégnégné.
Subito dopo raccolse tutto l'alcool che trovava in casa e lo nascose in cima a un mobile.

ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA

Il bello di un poliglotta è che quando è ubriaco non si ricorda mai in quale lingua deve parlare, così nel dubbio mescola tutte quelle che sa.
Così, Evaristo andò avanti una buona mezz'ora a dialogare con amici immaginari in un misto di sloveno, spagnolo, inglese e rumeno, finché non sentenziò in perfetto italiano: "Ho voglia di pisciare!".
Subito dopo uscì sul balcone, mise il cazzo fuori dalla ringhiera ed aprì i rubinetti.
Lo zampillo ebbe davvero un che di artistico, così come la pozzanghera sul terrazzo di quello di sotto, che lentamente assunse la forma di un piccolo lago giallo salato.

"Non hai un po' di sonno?" gli chiese l'anale Pelodia.
"Effettivamente sì... - commentò l'extracomunitario mentre si rimetteva il cazzo nei pantaloni - quasi quasi vado a dormire..."

Evasleep Dopo un paio di tentativi a vuoto, riuscimmo finalmente a condurre Evaristo nella camera giusta, per poi vederlo adagiarsi elegantemente sul letto matrimoniale, raggomitolato perpendicolarmente al verso del materasso.
Ogni tentativo del Pelo di fargli alzare il culo dal suo sacco a pelo si esaurì nel vuoto, così decidemmo di abbandonarlo al suo destino e ce ne ritornammo in cucina. A bere.

IL RISVEGLIO

Aprii gli occhi di buon mattino: era appena passata l'una.
Ed Evaristo stava ancora bevendo.

"Oh, che cazzo ho fatto ieri sera?" mi chiese, supponendo che avessi ripreso tutto con la fotocamera per metterlo su marok.org.
La supposta era giusta, gli feci vedere i filmati, commentò: "Fico!" e si stappò un'altra birra.

Obiettai che, secondo me, se fin dal mattino fosse andato avanti a bere senza mangiare nulla, prima o poi avrebbe sboccato l'impossibile.
Poi notai le tracce delle sue sboccate sul pavimento, sul letto e sulla sua copia del Manifesto che venerava come la Sacra Scrittura.
Nel frattempo, aveva aperto la busta del panettone che avevamo preso a calci il giorno prima e se n'era cacciata in bocca almeno metà.

"Tutto a posto?" gli chiese l'anale Pelodia.
"Mmmm mmmm!" rispose Eva.
"Secondo me non ce la fai a masticarlo tutto..."
"Mmmmm!"
"Dai, prima di soffocare vai a sboccarlo fuori dal balcone sul terrazzo di quello di sotto!"
"Dai, sbocca sul piscio dell'altra sera - aggiunsi - così facciamo l'arcipelago!"

L'idea piacque, il consenso fu immediato.
Persino il padrone di casa non disse nulla, ormai si era rassegnato.

LA MEMORIA DEL PELO

Verso le tre di pomeriggio facemmo colazione con una bistecca ai ferri, perché secondo il Pelo faceva bene.

Dio ci punì con un sms:
"Buon Anno da Ivan Piombino. www.ivanpiombino.org".

Non avevo mai visto nessuno così disperato da fare spam del suo sito via sms... mi ripromisi di farlo anch'io nel 2006.

Gli ultimi accadimenti avevano proiettato l'anale Pelodia nella fase Nerd, così disse che voleva aggiornare il suo blog da casa Fottone.
Peccato che però non fosse capace a fare un cazzo, così mi chiese di dettargli l'html e poi, dopo tre secondi, urlò: "Questo lo dicevi anche nella tua tesi!!! La so a memoria!!! E so a memoria Vaffankula e Scorreggina! E so a memoria il Favone Grassone! E so a memoria tutti i tuoi mp3 del cazzo! E so a memoria tutti i tuoi racconti del cazzo che hai scritto sul tuo sito del cazzo! E di quello che devo studiare a scuola non mi ricordo un cazzo!!! Vaffankulo! Vaffankulo! Vaffankulo!!!"

Anche questo è amore.

MESSAGGI SUBLIMINALI

Minuto dopo minuto, le condizioni di Eva peggioravano esponenzialmente. Alternava brevi momenti di lucidità in cui appena mi vedeva urlava: "No foto! Drunks No foto! Fankulo Marok punto org!" a lunghe pause di lirismo melodico in cui ricantava Frank Zappa tradotto in babilonese.

Per la maggior parte del tempo però fissava il vuoto e gli faceva domande.
In albanese.
Il vuoto non ha mai risposto.
Razzista.

Abbassammo le tapparelle in tutta la casa e Pelodia disse: "Sono le tre, è ora di andare a dormire!"

"D'oh!" rispose Eva, e si sdraiò con noi in camera da letto, cercando di mandare gli sms della buona notte senza capire da che parte si tenesse il telefonino.

"Vuoi una mano?" gli chiese il Pelo.
"Jaskhda elettra messaggio oihoiasdelettra jhasd elettra - rispose - allora ho jahsid elettra haiuh dasdada elettra, capito?"
"Sì sì - gli dissi - hai fatto bene!"

"Grazie!" rispose, e si addormentò.

L'HANDICAP CONTINUA!

Esaurita la nostra missione, il Pelo ed io uscimmo dalla stanza, tirammo su le altre tapparelle e ci dedicammo alle attività per cui ci ritenevamo portati: io scaricai la posta, lui lavò i piatti.

Nel frattempo Giggi Fottone disse che era ora di smaltire le calorie accumulate durante il cenone ed iniziò a ballare sull'accrocchio nerd che aveva comprato. Vederlo era uno spettacolo, filmarlo per poi metterlo su marok.org un dovere morale.

Tra l'altro era interessante notare come l'argomento "pranzo da Godai" non fosse più nemmeno stato preso in considerazione, e soprattutto nessuno si era lontanamente preso la briga di comunicarlo a Serenity ed al mio amico monospalla, che probabilmente ci stavano ancora aspettando.
Solo allora mi ricordai che a Roma c'erano anche le Fave Romane, e che prima di partire Duccio e la Cicalona mi avevano detto che, tranquo, ci saremmo trovati affanculo la sera dell'uno per una pizzata.

Chiamai la giovane donna, che, con fare sicuro, mi disse: "Dai, vediamoci a Lepanto!"

Bava Risposi: "Sìsì!" convinto che mi stesse prendendo bellamente per il culo. Solo dopo lunghe indagini scoprii che Lepanto era una fermata della metropolitana.
Linea A.
Ovviamente, da noi passava la linea B.

Calcolammo un paio d'ore per svegliare Evaristo mediante elettroshock testicolare continuo, una mezz'ora per arrivare a Lepanto, e, seguendo la legge di Murphy, raddoppiammo il tutto: "Ok, ci vediamo alle otto e mezza!"
Tanto a Roma si cena alle nove, chissenefotte.

MINORANZE MINORATE

Avevamo passato il resto del pomeriggio ad allestire torture naziste per svegliare Evaristo.
Purtroppo, quando avevamo quasi finito ed eravamo pronti per il collaudo, Eva si alzò spontaneamente e si diresse verso la cucina, per cercare da bere.
A tentoni, perché aprire gli occhi gli sapeva fatica.

JJ aveva imboscato tutto l'alcool che c'era in casa e aveva disseminato i mobili di trappole anti handicap, così Eva si dovette accontentare di leccare qualche briciola dal panettone preso a calci, e si fossilizzò davanti al computer, nel vano tentativo di scrivere giusta la sua password per leggere la posta ed aggiornare il suo blog.

All'improvviso, però, la porta di casa si aprì.
Era lui, l'uomo dei nostri sogni: era arrivato il misterioso coinquilino gay!!!
Mano nella mano col suo ragazzo, un panzone schifoso.
Anche questo è amore.

I due si appartarono prontamente nella loro stanza ed Evaristo, cliccando su punti casuali dello schermo, mise a palla l'mp3 della canzone dei Froci (quella che apre i concerti di Elio, per intenderci), senza nemmeno capire cosa stesse facendo.

Il Pelo azzerò immediatamente il volume dello stereo, Eva commentò: "È basso il volume di questo pezzo..."
"Eh... - osservai - è un bootleg..."
"Mmmh - mormorò Eva - peccato però...". E cambiò brano.

JJ osservò tutta la scena ammutolito, finché non fu il coinquilino gay ad uscire dalla stanza: "Ti devo parlare!"
Giggi lo seguì, e dieci secondi dopo sentimmo urla bovine.
Presi immediatamente la macchina fotografica e mi precipitai nella Gomorra room, seguito a ruota da Pelo, che voleva finire nel filmato di marok.org, ed Eva, che non capiva un cazzo ma sentiva che c'era da divertirsi.

"Questa macchia prima non c'era - disse il coinquilino gay, indicando una CHIAZZA DI SBOCCO ENORME, che stava in mezzo alla stanza - e la finestra era chiusa!"
Evaristo sentì che quello era il suo momento, e disse: "SE C'È QUALCUNO CHE SBOCCA QUA, QUELLO SONO IO!"
"E soprattutto LA FINESTRA A CASA MIA LA APRO QUANDO CAZZO MI PARE!!!" aggiunse JJ, che non aveva nemmeno bevuto.
Fu un bel momento.

Sembrava di vedere un reality show in diretta, ci mancava solo un idiota di Forza Italia che ripetesse ossessivamente: "Lei non mi interrompa io non la interrompo Comunisti!" e l'indice d'ascolto avrebbe raggiunto livelli stratosferici.

Il ragazzo del coinquilino gay osservava tutta la scena con aria impassibile seduto sul letto dell'amore, mentre i due urlavano come handicappati inculati da un montone ed Evaristo ripeteva con aria gioiosa: "SONO IO CHE SBOCCO! SONO IO!!!"

Ad un certo punto l'anale Pelodia pensò di risollevare la situazione, andò dal ragazzo del coinquilino gay e gli disse: "Mi dai una mano a metterli calmi?". Risposta del coinquilino gay: "Ma vaffankulo!"

Ci volle mezz'ora, prima che il coinquilino gay si rassegnasse e dicesse l'unica cosa sensata... cioè che avrebbe pulito tutto lui.
Gli dicemmo: "Bravo!" e partimmo per Lepanto.

ROTTA VERSO LEPANTO!

Nonostante non avesse più toccato alcool ed avesse dormito tutto il giorno, Eva era ancora sverso completo: gli effetti della pozione erano permanenti.

Passammo l'intero viaggio a guardarlo canticchiare in cingalese antico, mentre JJ borbottava invettive partenopee contro il coinquilino gay e Pelodia ci esponeva le sue paranoie in base alle quali tutte le Fave Romane lo odiano, perché quando le aveva incontrate al Panino Day aveva fatto una battuta e loro si erano girati dall'altra parte e se n'erano andati.

"Che battuta era?"
"Non ricordo, però era bella..."

RAPPORTI UMANI

Nonostante avessimo accumulato tutti i ritardi possibili, a Lepanto eravamo i primi. Solo dopo qualche minuto scorgemmo le deformi fattezze del Capo Duccio, che ci salutò con le testuali parole: "Ma perché Roma???"

Così su due piedi non seppi trovare risposta, per fortuna intervenne Evaristo e disse la sua. In Turco Cipriota.
Il Capo per tutta la sera non ci rivolse altre domande.

Dopo un po' arrivarono tutti gli altri, KraNpo, Tracca, Leesa, Giorgio e, come sempre ultimi, Mumble e soprattutto la Uebmasta Cicalona, abbigliamento fetish included. Sono cose belle.

Una volta a tavola, l'unica nota di colore fu il divieto di alcool ad Evaristo: Ol tugheder il Pelo gli impose la coprofagia latente e gli ordinò una Pepsi Twist. Peccato.

Per il resto, gli argomenti di conversazione furono molto variegati: Favone Grassone, Grumo, Kastrox, Ivan Piombino e Sanfru.

"Non è possibile!!! - urlò Pelodia disperato - È il 2005, sono fuori dalla chat, sono a ROMA, con gente che non ho mai visto prima, e COMUNQUE SI PARLA DI SANFRU!!!"

Cercammo di consolarlo parlandogli di Lindo ma fu tutto inutile e l'anale affogò il suo malessere in un sms.
Destinatario: Sanfru.
Testo: "Hai vinto!"

L'unico che sembrava immune ai problemi sociali rappresentati da Evaristo, dal Pelo e da Sanfru era JJ, che da quando eravamo partiti non aveva smesso di bofonchiare insulti vari in napoletano stretto contro il coinquilino gay.
Io davvero non riesco a capire quale perverso masochismo possa portare un individuo a coabitare con un gay... a quel punto tanto vale sposarsi.

Ol tugheder 2 E va be', una volta arrivato il cameriere a raccogliere le ordinazioni, la Cicalona disse che venire a Roma e mangiare la pizza era da handicappati.
Così io, il Pelo, JJ ed Evaristo ordinammo la pasta.
Tutte le altre Fave Romane, Cicalona compresa, presero la pizza.

"Volete anche degli antipasti?" ci chiese il cameriere.
"Io no - dissi - sono ancora pieno dal cenone di ieri sera..."
"PERCHÉ??? - sbottò l'anale Pelodia - CHE COSA HAI MANGIATO???"
Fu un bel momento.

IL RITORNO E GLI ADDII (per sempre)

Verso l'una e mezza, JJ si ricordò che l'ultima corsa del metrò di Roma è alle ore 0:30... e dovevamo attraversare la città!
Il Capo provò pietà e ci caricò in macchina.

"Che palle Roma - si lamentava - non fa granché freddo, però è umido!"
Pelodia gli raccontò che, nel suo paesino dell'Emilia, quando va a scuola in motorino deve scendere e camminare fino a cinque millimetri dal semaforo per vedere se è rosso o verde, e quando finalmente arriva a destinazione ha le stalattiti di ghiaccio sulla barba. Però in compenso d'estate ci sono afa e zanzare.

Il Capo si ammutolì, ci scaricò davanti a casa e se ne andò schifato.

Fankulo! JJ ci disse che era una giornata di merda, aveva sonno e se ne andava a dormire.
"Vuoi un link?" gli chiesi con aria innocente.
Si barricò in camera sua e non lo vedemmo più.

Ed Evaristo ricominciò a bere.

Dopo un'oretta mi si avvicinò e mi disse: "XZKSHXWYZZYY?"
Risposi: "Sì!"
E piombò in catalessi, sul letto.

Solo a distanza di giorni, Evaristo ci avrebbe raccontato che quella notte gli era arrivata in sogno una delle visioni più straordinarie della sua vita: Alan Magnetti al festival di San Remo.
Nel sogno, Alan saliva sul palcoscenico e poi, tradito dall'emozione, SBOCCAVA.
In mondovisione.
Diventando l'eroe dei giovani.
Non vinceva, perché vincere San Remo non fa tendenza. Però, finito il festival, andava in tournée nazionale con una rock opera in cui sboccava ripetutamente, per fare contento il suo pubblico.
Tutto ciò era bellissimo.

L'anale Pelodia invece passò una mezz'ora buona ad ascoltare nel walkman l'ultima puntata di Notturno Italiano, perché sentiva la mancanza della voce di Duccio. Poi disse una frase incomprensibile che aveva per soggetto il culto di Zarathustra, urlò: "VAFFANKULO!" e si addormentò.
Il mondo non ebbe più sue notizie fino alla settimana successiva, quando mandò a tutti un SMS con testuali parole: "MI HA SCRITTO SANFRU CHIEDENDOMI COSA HA VINTO!!!"

Il 2005 era appena iniziato, e già prometteva bene.
Ma intanto andate tutti quanti affankulo.



...grazie a Giosef, al Pastrano ed al Pelle per le consulenze dialettali, all'anale Pelodia e alla UebMasta Cicalona per le foto filosoficoesistenziali... e adesso guardatevi il filmato!