MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Cumpa > Archivio | Blog | Chi siamo | Disegni | Foto | Perle | Storie | Voci

LOADING...
Elio e le Storie Tese
Percfest
South A Phoss Cazzate
Sei in: Home > Cumpa > Blog > #0486


-----Messaggio originale-----
Da: MaRoK
A: Handicap@wc.net
Data: Sabato 13 dicembre 2008 5:15
Oggetto: 486


Signore e signori,
pheega ed handicap,
benvenuti nell'email 486!

Eh sì, prima o poi sarebbe successo...

Nota per pheega: con 486 non mi riferisco alla pillola.

Ebbene sì, carissimi...
questa è l'email nerd per eccellenza.

Perché se è vero che la maggioranza di noi ha iniziato la dipendenza con il Commodore ed ha passato piacevoli anni in compagnia di 286 e 386...
è dicendo "486!" che riscopriamo le nostre VERE origini nerd.

Già, perché il 486 è stato il primo vero computer ottimizzato per smanettare.

Ricordate?
Sul 486 c'era il tasto "turbo"! Serviva per andare LENTI come sul 286, se no non giravano i giochi vecchi.
Sul 486 si poteva montare la scheda audio "adlib", che permetteva finalmente di REGOLARE IL VOLUME del computer (cosa che non si poteva fare col pc speaker), di collegare il computer allo stereo, di sentire tutte le musiche di Monkey Island e tutte le scorregge di Larry Laffer in Leisure Suite Larry, e di registrare su cassetta quello che si sentiva dal pc!
Per i più fortunelli, poi, c'era già la Soundblaster, che permetteva di registrare sul pc quello che avevate su cassetta, modificarlo, e ri-registrarlo su cassetta. Salvo poi scoprire che la vostra voce di merda, anche modificata, rimaneva una voce di merda!

Il 486 è stato il primo computer a cui il floppy da un mega e quattro stava "stretto".
Così sono state create un macello di invenzioni, alcune geniali, tutte andate a troie: ricordiamo i programmi per formattare i floppy a 2 mega, le cassettine streamer, i dischi magneto-ottici, i drive zip, i drive jaz!
Alla fine ha vinto il cd-rom... che all'epoca era visto come un pacco: i primi masterizzatori costavano un milione, però NON funzionavano.
Ma, soprattutto, i cd vergini NON erano riscrivibili e costavano 20 carte l'uno.
I negozianti dicevano che però erano ETERNI: una volta masterizzato, un cd sarebbe durato anche mille anni!!!
Ora sappiamo che i cd masterizzati durano MOLTO meno di tutti gli altri supporti, compresi i floppy.
E sono meno capienti, più lenti e più ingombranti dei drive jaz.
Forse hanno vinto per compatibilità... con i lettori dello stereo... una figata, perché adesso nessuno più ascolta musica ficcando un cd nel lettore dello stereo.
In buona sostanza, l'evoluzione ha premiato la scelta peggiore... ed in fondo questa è un po' la storia di windows.

Col 486 però sono nate anche le prime schede video con 16 milioni di colori, per vedere tutte le sfumature della pheega.
Erano anche le prime schede video con l'uscita TV, per registrare dal computer a videocassetta... ritornando alla perfezione del Commodore.
In quegli anni nascevano anche le prime stampanti a getto d'inchiostro, che funzionavano bene quando erano nuove e poi facevano più cagare di quelle ad aghi.

E soprattutto, nascevano i primi scanner! MANUALI!!!
Avevano il loro cazzo di controller non-standard da montare nel computer.
Erano larghi quanto una cartolina e si dovevano passare a mano sul foglio.
A seconda di quanto veloce andavate, la gente veniva magra o grassa.
E, quando la foto terminava, c'era lo scalino e l'immagine "saltava"... come un cd.

Il 486 è stato l'ultimo pc ad essere ideato per il Dos.
Certo, volendo ci potevate anche installare windows95... ma a quel punto ve l'eravate cercata.

L'avevo già scritto nell'email 386, ma lo ripeto: il dos era MERAVIGLIOSO.
E' stato l'ultimo ambiente in cui potevate controllare che cosa faceva il computer...
almeno fino all'avvento di Linux, in cui potete controllare realmente tutto ma non ne avete voglia perché è troppo un casino.
Allora si parlava male del dos... tutti si lamentavano... senza rendersi conto del paradiso in cui stavamo vivendo.
Ogni programma, ogni gioco, aveva UNA sua cazzo di cartella, dalla quale non sconfinava.
Persino il sistema operativo era fatto così!!!
Non c'erano file condivisi.
Per disinstallare un programma o un gioco, bastava cancellare la sua directory dall'hard disk... perché nel frattempo non aveva CAGATO sui file del sistema operativo!
Per sapere cos'avevate sul computer, bastava guardare l'elenco delle directory.
Per spegnere il computer, bastava premere il bottone off. Si spegneva subito. E quando lo riaccendevate NON dava errore.
Era una vera soddisfazione.

Per fare girare i giochi sul 486, però, bisognava smanettare.
Parecchi giravano troppo veloci, perchè erano scritti per il 286.
Quindi si vedevano accelerati... o non partivano proprio, come il primo Monkey Island, a causa del cosiddetto "overflow di divisione".
Si poteva rallentare il computer col tasto turbo, ma spesso non bastava e bisognava usare programmini tipo moslo.
Prima che tutti seguissero l'esempio di Prince of Persia (megahit per gli amici) che già nel 1989 (!) si sincronizzava col clock e quindi si vedeva sempre perfetto su tutti i computer, sarebbero passati anni.

Altri giochi volevano che la memoria fosse impostata in modalità XMS o EMS, quindi bisognava lanciare l'emm386 da config.sys... vi ricordate? "Noems", "Ram", "Highscan"...
C'era un programma chiamato memmaker che faceva tutto in automatico.
Era incluso nel dos, e cercava di caricare in memoria alta i driver, per liberare memoria convenzionale... quella sotto i 640k per intenderci.
Tutto sommato funzionava discretamente bene... ma io, a mano, sapevo fare di meglio.
I 640.000 bytes di memoria convenzionale libera erano un punto di orgoglio, per un vero nerd.

Poi sono nati i giochi che partivano col dos4gw (come quelli della Id), che abbattevano la divisione tra memoria convenzionale, EMS ed XMS!
Però volevano 4 mega liberi di memoria contigua... che spesso non c'erano, proprio a causa di emm386.
Per far girare sia Doom che Sensible Soccer che Windows3.1 su computer con 4 mega di ram, senza cambiare la configurazione, bisognava essere artisti.

Però in fondo erano i giochi stessi che erano concepiti per essere smanettati.
Non tanto per il setup, perché alla fine tutti avevano imparato a digitare video=vga, music=adlib, soundfx=soundblaster, dma=1 ed irq=7 senza sapere che cazzo stessero scrivendo.
No, era proprio il CONTENUTO del gioco a CHIEDERE di essere smanettato.

All'inizio, le immagini ed i suoni dei giochi erano salvate in file separati, in formati standard (le immagini erano in gif o pcx - antenati del png - mentre le colonne sonore erano in mid, ed i suoni in wav).
Quindi, bastava rimpiazzare i file ed avevate IL GIOCO CON LA VOSTRA FACCIA E LA VOSTRA VOCE!
Lo facevano tutti, ai tempi... ed era una figata.

Quando, poi, i giochi hanno iniziato, per ragioni di praticità, a salvare tutto in un unico file, sono nati gli editor per ESTRARRE i file e RIMPIAZZARLI.
Chi era un minimo smanettone però lo faceva anche a mano, con gli editor esadecimali.
Il piacere di far dire stronzate ai personaggi di Megarace, The Day of the Tentacle o Sam&Max non ha eguali.

Parecchi giochi comunque nascevano già con l'editor.
Arkanoid2, il flipper Macadam... ma il più bello in assoluto era 4D SPORTS DRIVING... anche noto come STUNTS.
Ve ne avevo già parlato: era un gioco di macchine in cui l'editor permetteva di disegnare la pista.
C'erano delle regole molto precise, che limitavano la fantasia: non si poteva salvare la pista se in mezzo alla strada c'erano palazzi, alberi o cazzate varie.
Però non era un problema: tutti si facevano una pista microscopica ed insignificante, che l'editor accettava, e di fianco, scollegata, una MEGA PISTA SPAZIALE con trampolini per saltare sui palazzi, sui laghi artificiali, sui mulini a vento!
Bastava uscire di pista per fare le peggio cazzate... noi sì che ci sapevamo divertire! :)
E così negli anni 90 passavamo ore a disegnare piste a forma di cazzo per poi scambiarle il giorno dopo a scuola con altre piste fatte da altri... sempre a forma di cazzo.
Oltretutto, il gioco permetteva anche di videoregistrarsi mentre si guidava.
Chiaramente, però, non era una vera videoregistrazione: i file salvati contenevano le vostre mosse in sequenza e, se il gioco non fosse stato bacato, identica mossa avrebbe implicato identico risultato, sempre.
Peccato che invece il gioco fosse TREMENDAMENTE bacato: ogni tanto le macchine si impennavano e volavano in aria, oppure passavano attraverso gli ostacoli... e quei filmati diventavano opere d'arte, irripetibili!
Devo ancora avere da qualche parte le vhs.

Altri giochi non nascevano con l'editor... così l'editor l'avevano fatto i Nerd.
Penso soprattutto a Civilization di Sid Meier.
Era un gioco di strategia meraviglioso, in cui guidavate un popolo dalla preistoria fino alla fantascienza.
Ci avevo perso le nottate, su quel gioco... ma soprattutto su cived, l'editor pirata.
Chi non passerebbe nottate a disegnare continenti a forma di cazzo?
Un altro nerd aveva provato a fare la versione per giocare in più persone, Multiciv, ma era talmente bacato che alla fine ci si incazzava e si spaccava il computer.

Poi, beh... c'era Wolfenstein3d, il capolavoro della Apogee, il primo labirinto in soggettiva degno di questo nome!
Ed anche il mapedit pirata di Wolf3d era una figata: dovrei ancora avere da qualche parte i labirinti a forma di cazzo.
Scambiati con quelli fatti dagli altri nerd. Sempre a forma di cazzo.

Ma fu con Doom (idkfa per gli amici) che il mondo nerd cambiò, per entrare nell'era dell'editing selvaggio.
Nonostante Internet fosse ancora un miraggio, la rete di scambio dei livelli di Doom taroccati era impressionante... era quasi a livello cassettine di Elio.
Me ne arrivavano a centinaia, tutti meravigliosi...
Oltretutto, gli editor pirata permettevano di personalizzare non solo le mappe (però farle a forma di cazzo era un casino) ma anche i suoni e le immagini... insomma, potevate farvi i vostri mostri personalizzati!!!
E, pensate un po', è così che ho conosciuto KILLER.

Già: Killer era uno dei tanti diversamente figati che negli anni 90 a Torino leggevano i miei racconti.
Quando Joco ha combinato il primo incontro, al cinema Fiamma, Killer si è presentato con un FLOPPY.
Sopra il floppy, c'era un livello di Doom con le pareti tappezzate con la faccia di MIOPIO.
Che lui neanche conosceva.
IL DOOM DELLA CUMPA... era un'idea idiota, assurda, pazzesca... mi piaceva!!!

Ci misi un paio di mesi, cinquemila immagini modificate una per una per disegnare i personaggi della Cumpa al posto dei mostri, con le voci di Mangoni e Claudio Bisio che dicevano le parolacce.
E pensare a quegli sfigati là fuori, che trombavano!
Il Doom della Cumpa ce l'ho ancora, naturalmente. Prima o poi riuscirò a farlo girare sotto Linux.

Doom però è passato alla storia anche per un altro motivo: per la prima volta si poteva giocare in gruppo, collegando vari computer.
Ci si poteva unire in squadra (cooperative) oppure uno contro l'altro (deathmatch).
A casa Marok ogni tanto organizzavo tornei di Doom, collegando al 486 un vecchio 386.
Il 386 non era adatto per giocare a Doom: avevo usato trucchetti vari per farlo girare ma, chiaramente, andava lentissimo.
Così, per ogni colpo sparato del 386, chi stava sul 486 poteva replicare sparando dieci volte. E vinceva.
Perciò invitavo spesso Nichel a casa mia, mi mettevo al 486, vincevo e dicevo: "Però... è stato bello!".
Nel frattempo, Joco era a scuola... e ci faceva il laboratorio.

Col passare dei mesi, mi resi conto che Doom era lo sport della mia vita... assieme al Tetris.
In quegli anni avevo anche partecipato al torneo nazionale di Doom, allo SMAU, ed ero arrivato terzo! Alèèèèèè!!!
E non avevo vinto un cazzo: al primo davano una maglietta di Doom, al secondo un abbonamento a Kappa (o viceversa), al terzo un calcio in culo.

Ma, soprattutto, giocavamo a Doom in rete a scuola.
Sempre.
Tutti i santi giorni.
Già, perché al Piero della Francesca, prestigiosa sede della facoltà di scienze dell'informazione, i 486 erano arrivati proprio l'anno in cui era uscito Doom.
Ed erano collegati in rete... un segno del destino.

C'erano dieci computer, si poteva giocare al massimo in otto... quindi, mentre noi giocavamo a Doom, due computer rimanevano liberi per gente che doveva scrivere la tesi...
Di solito non ci davano fastidio.

Il risultato fu l'unico possibile: io, Joco, Nichel, Mandingo, il Pazzo e tre altri illustri handicappati, a settembre del 1994 facemmo PIANTARE la rete del dipartimento di informatica.
Mandando a puttane il lavoro dei due tesisti.

Festeggiammo a lungo, per questo.
Un giorno, per l'esattezza.
Poi ci scadde il login: per usare i computer occorreva una password che andava rinnovata di sei mesi in sei mesi, adducendo di volta in volta qualche improbabile pretesto.

Fu così che Joco ed il sottoscritto, il giorno dopo il disastro, andarono dalla responsabile dei login per chiedere il rinnovo.
Era una donna, una delle poche di informatica... poteva essere la nostra salvezza, perché in quanto tale non capiva un cazzo.
"Perché volete rinnovare il login? - ci chiese - Avete già dato l'ultimo laboratorio, no?"
"Sì - rispondemmo - Però ci sono rimasti dei dubbi e vorremmo APPROFONDIRE..."
Per non ridere, pensavo alle cose più schifose del mondo... ed era difficile, perché ad informatica non c'erano specchi.

"Ascoltate... - ci disse - Io vi darei volentieri una nuova password... purtroppo però solo ieri è successo un fatto spiacevole. Alcuni idioti hanno installato sui computer un gioco che ha mandato in tilt l'intera rete del dipartimento. Per questo motivo..."
"Ma chi ha fatto una cosa del genere??? - rispondemmo, sdegnati - cioè, È UNO SCHIFO! Noi paghiamo le tasse e..."
"Già... - rispose lei - Purtroppo non siamo riusciti a scoprire chi è stato, altrimenti avremmo già preso provvedimenti, anche seri!"
"Guardi - continuammo - Noi le garantiamo che mai e poi mai ci sogneremmo di usare le risorse del dipartimento per giocare... e, se vedessimo qualcuno che lo fa, non mancheremmo di segnalarlo!"

Alla fine il login ci venne rinnovato.
Ed uscì Doom2.
Il resto è storia.

Poi beh... non si può parlare degli anni 90 senza nominare Carmageddon, forse il gioco più bello che sia stato fatto mai...
ma approfondiremo in un'altra puntata, perché avevo già il Pentium.

E insomma, il 486 ha fatto la storia.
Ed ora? Che fine ha fatto?
Il mio sta bene, grazie!
Per parecchi anni ho dovuto tenerlo scollegato: non avevo spazio.
Da quando vivo da solo nella casa nuova, però, il 486 ha ripreso a funzionare!!!
E la prima cosa che ho fatto è stata giocare di nuovo a doom con la faccia di Miopio e la voce di Mangoni.
E pensare che ci sono degli sfigati che vanno a vivere da soli perché trombano...

Insomma, il 486 ha cambiato la vita di molti... e la natura ha fatto in modo che non si riproducano!
Se leggendo queste righe provate nostalgia... non vi preoccupate: è normale: se non foste diversamente figati, non ricevereste questa email! :D

Ma ora... cazzeggio!

Un fan del 486...
www.the486kid.com/

...ed un suo effetto collaterale: il bello di emulare il pc speaker nel 2008!
www.spaz.org/node/675

Idee per la vostra camera da letto... per essere sicuri che non tromberete MAI!
www.geekologie.com/2008/05/bubble_man_bedroom_from_mega_m.php

Nerd a livello analogico:
www.cubeecraft.com/

Giovani vittime di Supermario Kart:
www.youtube.com/watch?v=BDvxH2fewL0
www.youtube.com/watch?v=MytfhzcSF-Y
(quest'ultimo è di Remi Gaillard, che molti di voi ricorderanno da "Rocky is back", il filmato che mi ha fatto arrivare primo sulla classifica di The Sun)

Essere Nerd implica rinunciare alla pheega?
No... non è vero... non arrendetevi... e COSTRUITEVI la pheega!!!
E' quello che ha pensato Le Trung, un nerd canadese, che si è costruito un robot a forma di pheega.
Ha 20 anni, è carina, ha lineamenti orientali, vive in casa con lui ma... NON GLIELA DA'!!!
Altrimenti, il modello non sarebbe stato realistico.
en.wikipedia.org/wiki/Project_Aiko
www.youtube.com/watch?v=yHFZVwQ53bk

Le audiocassette non si usano più dagli anni 90... però, se vi mancano... fate così!
www.suck.uk.com/product.php?rangeID=82&catID=7

Se siete soli e nerd anche a Natale... consolatevi con un po' di musica!
www.doctoroctoroc.com/video-game-inspired-music/8-bit-jesus-new-christmas-chip-tune-album/

Se invece non siete nerd, ma vi piacerebbe imparare qualche termine nerd fico per bullarvi con gli amici oppure annullare la pheega...
è disponibile per voi un CORSO GRATUITO DI LINGUA NERD!

Dove?
Su www.computer-dictionary-online.org!!!

Come si usa?
Ma è semplice!
Cercate là sopra tutte le porcate che generalmente cercate su youtube... e guardate cosa vogliono dire!

Ad esempio... cosa viene fuori con SEX?
Scoprirete che sta per Software EXchange, ma anche per Sign EXtend, che è un'istruzione macchina usata nel PDP-11, poi rinominata in CWD quando si è passati all'8086.
www.computer-dictionary-online.org/index.asp?q=sex

Cosa vuol dire GIRL?
Sta per Graph Information Retrieval Language, ed è un linguaggio per la manipolazione dei grafici.
www.computer-dictionary-online.org/index.asp?q=girl

Cosa vuol dire KISS?
E' un vecchio sistema dell'IBM 650!
www.computer-dictionary-online.org/KISS.htm?q=KISS

Cosa vuol dire WEDGIE?
E', semplicemente, un bug!
www.computer-dictionary-online.org/index.asp?q=wedgie

Cosa vuol dire BONDAGE?
E' un linguaggio tipo il Pascal o il Prolog, cioè un linguaggio che all'apparenza sembra general-purpose, mentre in realtà... come sapete...
www.computer-dictionary-online.org/index.asp?q=bondage-and-discipline%20language

E soprattutto... chi è AMANDA?
E' un linguaggio funzionale di cui esiste un ottimo interprete per MS-DOS.
www.computer-dictionary-online.org/index.asp?q=amanda

E adesso andate avanti da soli...

Alla prossima!
MaRoK
(tnx Anderscor/DE Knuth/Meltre/Zone69)
www.marok.org


Immagini allegate:


486









< Precedente Torna all'indice Successiva >



Per commentare, usate pure il Buko!
(indicando a quale pagina fate riferimento)