MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Cumpa > Archivio | Blog | Chi siamo | Disegni | Foto | Perle | Storie | Voci

LOADING...
Sei in: Home > Cumpa > Storie > La cena dei != Figati




La cena dei diversamente figati
A Natale gli uomini sono buoni e le giovani donne sono carine con tutti, tranne che coi nerd.
Milioni di SFIGHI scelgono quindi la fine di ogni anno per radunarsi, tutti rigorosamente MAAAAASKI! Ed il fine è nobile: vincere gare di rutti, scambiarsi qualche porno e qualche gioco ed annegare gole e biscotti asciutti in una buona birra. Coca, per Joco. FANTA, per Mandingo.

Ogni pizzata informatica è cherosene sul fuoco dello SKIFO. Nessuna però è andata bene come quella del 2003, quando Mandingo SVUOTÒ una premiata pizzeria con i racconti d'essai dei VERMI che gli avevano okkupato l'intestino e che gli facevano "Ué!" nella MERDA dopo che aveva KAGATO o SBOCCATO qualche splendido CROSTONE. Tutto ciò era ovviamente amplificato dalla nostra eco: "MEEEERDA!" "MARRRRRONE!" "DYARREA!" "SKIIIIIFO!".

Io non so bene il perché... però MAI, in nessuna occasione, nemmeno per sbaglio, alle nostre cene è arrivata pheega. Anzi, spesso persino il cameriere è MAAAAASKIO!

Tutte le scene descritte trovano conferma nelle seguenti diapositive.
2002 1997 1996 2000 1995 1998 2003 2000 1998
Solo una volta avevo osato l'inosabile: alla mia festa di laurea avevo invitato una pheega, la Frappa. E c'erano i nerd!

Avevo rischiato grosso... però non era una serata per soli informatici! Anzi, la maggior parte della gente non sapeva nemmeno che cazzo fosse un computer... e poi avevo a lungo avvisato la Frappa dei pericoli che stava per correre: "Guarda che i miei amici sono tutti handicappati! Guarda che i miei amici sono tutti sfigati!". Lei però NON ci credeva: "Ma Marok, tu esageri sempre! Sono abituata con te... mi troverò bene anche con loro!"

Prima ancora di entrare nel locale, la Frappa incontrò una persona a caso: KILLER. Lui vide lei. Poi guardò me. Poi indicò lei e mi disse: "LE HAI DATO CINQUE EEEEEEURI?"
Un intero universo di schifo, squallore ed umiliazione sintetizzato in cinque parole... ero commosso.
A quel punto però era intervenuto Minitony: "Marok, se mi dicevi che c'era pheega non venivo!"

Alla fine della serata, la Frappa si era annullata in maniera totale e, per tutto il resto della sua vita, le uniche parole con cui avrebbe ricordato quella festa sarebbero state: "Mai più!"
QUESTIONE DI PACCO
Per quanto skifo facesse in generale la nostra vita, nel 2007 era stata PEGGIO: un vero sifone di sfiga che aveva raggiunto l'apice l'8 dicembre, quando il Prof Magneto era finito in coma al Don Bosco grazie all'idiozia di uno stronzo ubriaco. Alla fine di anno più pacco della media degli altri anni che già erano un pacco, avevamo veramente raggiunto il FONDO di un abisso di merda... e radunarsi aveva un solo scopo: SCAVARE.

La pizzata era fissata per sabato 15 dicembre: sapevamo che nessuno avrebbe avuto altri impegni per il sabato sera, perché tanto eravamo tutti sfigati.
Questo però non impedì alla gente di inventare pacchi: GM, Mandingo e Nichel addussero improbabili impegni LAVORATIVI... di sabato sera.
MiOpiO non rispose neanche: ci avrebbe poi detto di non avere VISTO il messaggio.
A quel punto, confidavo nella Pestopatata: lei non mi poteva deludere!

Famosa per essere stata la ragazza di Matricola88, laureato nel 2005, 17 anni per un corso da 3, la Pesto è un vero talento per i pacchi: è talmente brava ad inventarli che non è MAI uscita con noi... non a caso il suo sesso è diverso da maaaaaskio.
Però continuava a ricevere i nostri inviti e rispondeva sempre, con garbo, cortesia e simpatia: "Faccio coreografia!", "Stasera sono in trasferta di lavoro!", "Domani ho l'esame di microbiologia!".
Insomma, la Pesto ci mandava affankulo dal 1993, ma sempre col sorriso. Ed anche questa volta non deluse: "Sabato vado a fare PRATICA DI BALLO: sono due settimane che non vado e non posso saltare anche questo!".
La farei entrare nella Cumpa, se non fosse più vecchia di Foniuglia.

Ed infine, quando ormai pensavo di avere visto tutto, arrivò il pacco migliore, il vero capolavoro, quello che nessuno più si aspettava e che in un attimo sa cambiare un'esistenza.
"Non posso venire - disse KILLER - perché mi hanno ASPORTATO IL PREPUZIO!"
Il pacco di KILLER
L'IMPREVISTO
Nella comunicazione tra nerd, lo strumento principe è il telefono: i nerd sanno che è assolutamente inutile inviare email ad un altro nerd, perché il nerd non legge mai la sua posta, visto che è impossibile che gli scriva della pheega. Il nerd legge solo la posta degli altri, per il gusto di fottere la password.
Così, quando uno squillo increspò il nulla di un pomeriggio, ero sicuro solo di una cosa: maaaaaaskio.

"Ciao dottore!"
Era una meravigliosa voce femminile... Francy!
"Ma ciao! - risposi - Sei nuda?"
"Magliale porco schifoso! Come va?"
"Adesso meio! - esclamai - C'è pheega!"
"Idiota! Voio dirti una novità che ti piacerà tantissimo!"
"Ma muoglio dalla voia di saperla! Aspetti un bimbo?"
"Coione! Ma no, ti vengo a trovare!!!"
"Sul serio?"
Erano mesi che invitavo la pheega a Torino e, com'è normale, mi aveva sempre schifato.
"Sììììììì!!!" rispose, con enfasi minorenne.
"SBORROH! - commentai, con tono educato - Quando vieni?"
"Questo sabato!!!"

Seguì un lungo attimo di silenzio.

"Che succede? - chiese Francy, preoccupata - Non va bene?"
"Uhm... no, è che... sabato sera c'è la cena dei nerd e..."
"LA CENA DEI NERD??? MA È FANTASTICO!!! POSSO VENIRE??? DAIDAIDAIDAI!"
"Ma... sei sicura? Hai idea di quello che ti aspetta? Guarda che quelli sono davvero tutti handicappati e..."
"Ma va, tu esageri sempre, dici così di tutti... dai VOIO VENIRE ANCH'IOOOOO!!!"
"Boh... se insisti..."
"Sìììììììììì!!! è meraviglioso!!! Chiama anche FONIUIA!!!"
"Foniuglia? Ma no! Sclererebbe per molto meno!"
"Ma non è vero, dai, vedrai che non si annoglia... ci sarò anch'io!"
"Boh... provo..."
"Alèèèèèèèèèè!!!"

Me lo sentivo: sarebbe stata la migliore serata del 2007.
Dopo il live in Piombino.
IL GRAN GIORNO
Quell'unico giorno dell'anno in cui si incontra la pheega inizia sempre col medesimo rituale purificatore. Sveglia a mezzogiorno, una doccia, una lavata ai capelli, un po' di pulizia alla casa per eliminare i peli di cazzo, ed infine la rasatura dei cookie sul computer, per fare in modo che, cercando con google qualcosa che inizia per "f", il completamento automatico non dia subito "figa minorenne bisessuale che fa una sega con le tette al dottor Marok gratis".

Per essere in stazione all'una, scesi all'una meno dieci... tanto c'era il metrò. Da un anno e mezzo la metropolitana aveva overcloccato i miei orari, e non era questione di alta velocità ma di bassa varianza: niente attesa alla fermata, niente ingorghi, niente incidenti stradali, niente vacche sui binari... insomma, da quando c'era il metrò... niente cazzo di imprevisti!
Così pensavo, mentre il tunnel risucchiava MonteGrappa, un po' di impiegati in pausa pranzo, Rivoli, i colori variopinti della pheega dell'artistico, Racconigi, qualche fancazzista, Bernini, le mille voci delle minorenni del linguistico... e poi le porte rimasero aperte.
E dall'alto una voce disse: "Attenzione, prego! Per cause tecniche il servizio sulla linea 1 della metropolitana è temporaneamente sospeso e riprenderà il prima possibile. Ci scusiamo per il disagio!".
Era il primo guasto in due anni! Il metrò mi ANNULLAVA LA PHEEGA!!!
PiombinoKastrox.

Telefonai a Francy: "Non ci crederai mai... - dissi - Ma SI È ROTTO IL METRÒ!!!"
Arrivai in stazione all'una e un quarto... e Francy stava ancora ridendo.
Visione giogliosamente meraviòsa.

"E Foniuia?"
"Foniuglia? Eh... non ha ancora deciso se viene! Prima di uscire, deve guardarsi a lungo allo specchio e verificare di non essere oRRenda!"

Francy andò avanti a ridere per tutta la durata del pranzo e per buona parte del viaggio.
E poi dicono che a Torino ci si rompe i coglioni.
CAZZEGGIO A CASA MAROK
Dopo un breve pranzo ristoratore, provai a chiamare Foniuglia per sapere se sarebbe stata dei nostri.
"No, non insisteRe - rispose - oggi non Riesco a veniRe..."
"Che succede?"
"E quindi?"

Francy intraprese con Foniuglia un lungo discorso i cui capisaldi erano che lei era bella, che lei era bella sempre, che lei era la donna più bella del mondo, che non sarebbe mai potuta nascere al mondo un'altra donna più bella di lei ed altri mille argomenti di uguale spessore intellettuale. Infine, soddisfatta del risultato, chiuse il telefono ed entrò nel cesso... e questo voleva dire una cosa sola: ADDIO per ALMENO un Francy, cioè un'ora. E c'era un solo modo per rendere utile quell'ora: navigare di PORNO.

Così accesi il computer e, già che c'ero, diedi un'occhiata alla posta: purtroppo, quando uno diventa famoso, è normale che gli scrivano centinaia di ragazze tutti i giorni, ed è un porco lavoro ma ogni tanto bisogna rispondere!

C'era un solo messaggio.
Era di Killer.
Non aveva testo, solo un allegato in formato mp3.
Siccome non sono un egoista, ho deciso di farvene dono: ascoltatelo nel contributo multimediale che segue.
SALUTI DA KILLER PUNTO MP3



(Download Mp3 - 847K)
GENERAZIONI A CONFRONTO
Francy non si era accorta di nulla: il cesso aveva insonorizzato lo skifo. Però il citofono squillò.
"GRRRRRRRRRR!"

Il volto di Foniuglia era il ritratto dell'angoscia, dell'inquietudine, del teRRoRe.
"MaRok, è stato teRRibile..."
"Che è successo?" chiesi.
"Quando hai apeRto il poRtone, io sono entRata e, dietRo di me, c'eRa un maRocchino... mi ha guaRdata... e mi ha seguita!!!"
Nel mio palazzo abitano Borghezio, una famiglia di rumeni ed una di marocchini. I rumeni ed i marocchini sono simpatici. Naturalmente, decisi di stare al gioco.
"Che cosa??? - esclamai - Ma fai entrare i NEGRI nel mio palazzo?"
"PeRò mi son fatta le scale di coRsa, l'ho seminato!!!"
"Brava! Vuoi da bere? Ho dell'ottimo Genepy..."
"Sììììììì!"

Mi allontanai da Foniuglia con uno scopo lodevole, farla ubriacare di Genepy. Purtroppo, nel fare questo la lasciai sola per una decina di secondi... troppi: la rossa ruotò di novanta gradi in direzione sud. Si vide allo specchio. Ed urlò: "NOOOOOOOOO!!! Sono oRReeeeendaaaaaaa!!!"

Di fronte a tanto spettacolo, avvenne il miracolo: Francy uscì dal cesso.
"Ma io ti voio bene - disse la mora, abbracciando la rossa - tu non sei MAI orrenda!".
"Non è veRooooo! - rispose la rossa - Accidenti a me, ma dovevo piangeRe pRopRio stamattina? Sono oRReeeeeeendaaaaaaa!!!"
"Non per farmi i cazzi tuoi - commentai - Ma perché hai pianto?"

Foniuglia prese fiato e rispose: "È stato teRRibile! Ho pianto nel sonno peRché ho fatto un bRutto sogno, poi mi sono svegliata ed ho visto che la vita eRa più meRdosa del sogno... e alloRa ho Ricominciato a piaaaaaaangeRe!!!"

La mora consolò la rossa... e fu un momento di rara poesia.
Poi il Genepy fece effetto, Foniuglia si calmò, iniziò a rotolarsi sul mio divano per far andare via le occhiaie con la forza di gravità all'incontrario ed infine potemmo tutti uscire, felici e contenti.
TURISTI PER CASO
Francy conosceva Torino attraverso un film che le era piaciuto tantissimo: "Dopo mezzanotte". Fate come me: fate finta di averlo visto.
Come ampiamente previsto, la mora voleva visitare dal vivo tutti gli scenari del film... che erano Porta Palazzo, il Balùn, Borgo Dora, San Salvario... e ci voleva andare in minigonna e con la borsetta aperta, cantando e saltellando! Hanno squartato vergini per molto meno.

Per fortuna, in quel cazzo di film si vedeva anche la Mole Antonelliana, così riuscii a dirottare la pheega verso il centro. Oltretutto, nella Mole c'era il Pulp Favesmuseo del cinema e la prima volta che l'avevo visto ero con GRUMO: sarebbe stato un buon passo avanti.

Da un paio di mesi, all'ombra della Mole c'era anche una grossa novità: Meemmow.
Ufficialmente, si era trasferito da Palermo a Torino per seguire la specialistica del DAMS... ma tutti sapevamo che la vera ragione del viaggio era l'amore segreto per PIOMBINO e KASTROX.

A riprova che la fortuna bacia i diversamente figati, Meemmow aveva trovato casa in via Montebello, DI FRONTE ALLA MOLE: cazzeggio, casino, pheega, locali aperti a tutte le ore del giorno e della notte... il paradiso! E Meemmow passava le giornate al museo del cinema: lo conosceva a memoria.
Insomma, per la prima volta da quando era nato, Meemmow poteva esserci utile... così gli dissi della nostra visita e lui si precipitò là, pronto a farci da cicerone!
L'INCONTRO
Alla vista di uno sconosciuto che la salutava come se fossero amici di vecchia data, Foniuglia iniziò a dare i primi segni di sclero... ero emozionato: sentivo che stava per succedere qualcosa di leggendario.

Dottor Marok´s angels "Ciao Foniuglia!!!" disse Meemmow.

Per qualche secondo Foniuglia non parlò, fissava l'handicappato con aria triste ed impaurita... poi gli chiese: "Ma tu è la pRima volta che mi vedi?"
"Sì..." rispose Meemmow.
"E ci sei Rimasto male???"

Da allora, Meemmow non disse più UNA parola.
Come Assuracentourix in India, l'unica volta che avrebbe dovuto tirar fuori la voce era diventato muto!
Ed io terminai il giro più ignorante di quando l'avevo iniziato.

Il museo, comunque, era sempre un gran bel posto: prima di tutto c'erano i Meemmow al cessocessi. E poi, lungo il percorso, decine di telecamere riprendevano le facce ed i corpi dei visitatori, li rielaboravano e li rischizzavano su teloni e grandi monitor, mischiati a scene di film famosi, tra cui ricordiamo Amici Miei, Matrix ed ET.
La più contenta di tutto questo era Foniuglia: perdeva un giorno di vita ogni volta che si vedeva in uno specchio, due quando si vedeva su un telone, tre quando si vedeva in uno schermo.

"Sono oRReeeeeendaaaaa! Questo posto è teRRibileeeeeeeee!"

La soffeRenza di Foniuglia peRduRò peR un inteRo indimenticabile pomeRiggio... poi uscimmo dalla Mole e festeggiammo il suo novantatreesimo compleanno.
Noi sì che ci sappiamo divertire.
ROTTA VERSO LA PIZZATA
Mancavano poche ore, ormai, alla pizzata degli informatici... e Francy era davvero FELICE di andarci! Era la prima pheega consenziente ad una nostra pizzata dal 1993.
Anche Meemmow aderì con gioia... diverso discorso per Foniuglia: "StaseRa non posso mangiaRe la pizza... Sono oRRenda!!!"

"Beh... - obiettai - ma è sabato sera... come fa una giovane donna come te a cenare tutta sola?"
"Ma piuttosto di buttaRe via i soldi in una pizza mi guaRdo la mia televisione in bianco e neRo... almeno è gRatis!"
"Ma Foniuia! - disse la mora - Per te anche la pizza è gratis! Fattela offrire dai SFIGATI!"
"PeRché mi dovRebbeRo offRiRe la pizza?"
"Perché tu sei pheega... e loro sono SFIGATI!"

Per quanto delirante possa sembrare, questo fu l'argomento con il quale Francy riuscì a convincere Foniuglia a mangiare la pizza con noi.
Potere della pheega.
LA CENA DEI DIVERSAMENTE FIGATI
Per tradizione, i locali del nostro raduno li facevamo sempre scegliere a JocoJoco, perché è quello che ha la voce più grossa e perché si è comprato la casa in campagna in Sicilia col tetto a forma di V.

E Joco aveva scelto la pizzeria all'angolo tra corso Francia e corso Marche, un incrocio che il comune stava per BOMBARDARE per ficcarci un GRATTACIELO, una TANGENZIALE ed una TAV.

Per una volta, Joco non sembrava avere scelto così male: c'era convenienza, cortesia, simpatia, un ampio parcheggio all'ingresso ed una comoda fermata del metrò! Ma soprattutto, davanti al dehors c'erano tre puttane nigeriane: una gioia per gli occhi.
Presenti all'appello Spranga, Joco, Grip, quello che rimaneva di Killer ed il Kompagno Gillette, che aveva già SONNO. Col Il mondo mangia la mia pizzasottoscritto eravamo in SEI: il minimo storico... SKIFATI dagli SFIGATI!!!
PiombinoKastrox

Joco aveva preso il tavolo più vicino al vetro e non sembrava male: potevo guardare le puttane in strada, è una cosa che mi mette allegria... specie quando loro sono fuori, al GELO, e io sono dentro, al CALDO.

Poi mi tolsi la giacca.

E mi accorsi che faceva un FREDDO PORCO: il tavolo era vicino ad un VETRO SPACCATO, malamente coperto da un pezzo di stoffa... si congelava!!!

Per l'ennesima volta, Joco aveva fatto la SCELTA PEGGIORE tra tutte le possibili combinazioni casuali dell'universo... e TUTTI l'avevamo seguito!
Ed intanto le troie ci guardavano dal buco e ridevano. La vendetta è un piatto che va servito freddo.

Comunque, la reazione degli handicappati alla vista di Francy e Foniuglia fu molto più composta di quella che mi immaginavo. KillerKiller fu un vero gentiluomo e, per far sentire le giovani donne a proprio agio, si lanciò in un lungo monologo che aveva un solo soggetto: la sua OPERAZIONE AL CAZZO.

Ero commosso, mentre Grip e Joco ridevano come disperati, Spranga e Meemmow osservavano impassibili ed il Kompagno Gillette si copriva il volto e diceva: "Io non vi konoooosco!". Francy e Foniuglia erano inoRRidite.

"IL PREPUUUUUUUUUUUUZIO! MI HANNO STACCATO IL PREPUUUUUUUZIO!" Arte by Meemmow

Killer era seduto di fianco alla mora e di fronte alla rossa: il massimo danno possibile.

"E com'era il prepuzio?"
"ROOOOOOOOOOOOSSO! Come queeeeeella!"

Killer indicava la pizza di Foniuglia.
Nella migliore delle ipotesi.

"Beh... allora... un brindisi al CAZZO! Alèèèèèèè!!!"

Fu allora che il cielo ci mandò un messaggero di pace: un cingalese con le rose.
Se ne vedono tanti ultimamente, portano fiori ed acchiappano sfigati... è grazie a loro che da un fiore si ricava un seme: picche.

E Meemmow ci seppe stupire: "Vorrei due rose - disse - per le due meravigliose fanciulle sedute al nostro tavolo!"

Per parecchi secondi regnò lo stupore.
Silenzio, solo silenzio.
Il cingalese isolò due rose dal mazzo, Meemmow tirò fuori il portafoglio e sbiancò.
"Meemmow, che succede?" chiesi.
"Eh... - rispose, visibilmente imbarazzato - Non mi bastano i soldi... ho solo il bancomat! Non è che qualcuno di voi... per caso..."

Ma quello gira in Merceeeeeeedes! Furono pochi istanti, ma durarono un'eternità: da un lato il cingalese, con i fiori in mano, che ci guardava e pensava solo una cosa: di essere preso per il culo.
Al suo fianco Meemmow, bianco in volto, umiliato di fronte all'impotenza del suo portafogli.
Lungo i lati del tavolo, sei handicappati che ridevano ed urlavano cazzate.
In fondo, Francy e Foniuglia, pietrificate.

"Beh! - disse Foniuglia, con voce triste - Se nessuno vuole metteRe i soldi... LI Autofinanziamento METTO IO!"

Ricapitolando:
  • Foniuglia era venuta in pizzeria perché Francy l'aveva convinta che gli sfigati le avrebbero offerto la cena
  • NESSUNO le aveva offerto NEMMENO UNA ROSA
  • SE L'ERA PAGATA!
Francy fece lo stesso.
Era ufficiale: avevamo ANNULLATO la pheega.

E fu allora che Killer prese la situazione in PUUUGNO. Non appena il cingalese si fu allontanato di mezzo metro, lo indicò ed urlò: "QUEEEELLO GIRA IN MERCEEEEEEEEEEEDES!"

La reazione di Francy e Foniuglia fu loop di PENA, ODIO e SCHIFO.

Killer però si poteva ancora riscattare: un secondo ambulante passò al nostro tavolo... nulla era perduto!

L'handicappato notò degli occhiali che lampeggiavano: Arte by Meemmow - reprise facevano veramente SKIFO. E disse: "LI VOGLIO!!!"

Di fronte alla pheega, Killer cagò più soldi di quelli che avrebbe speso per le rose, indossò gli occhiali che lampeggiano, guardò la mora e la rossa e commentò: "Per queeesti ne vale la peeena: LAMPEEEEEEGGIANO!"

Fu lo spregio definitivo: di fronte a quella mossa, Francy e Foniuglia si annullarono DEFINITIVAMENTE. Non ci avrebbero più rivolto mezza parola per tutto il resto della pizzata. E, forse, per tutta la vita.
Trendy Killer Trendy Foniuglia Trendy Francy Trendy Grip Trendy Marok Trendy KG Trendy Spranga Trendy Joco Trendy Meemmow
AFTER ALL'EAGLE
Nel caso non fosse chiaro, nessuno offrì la cena a Foniuglia.
E lei non l'aveva presa benissimo: "BastaRdi, PoRci, stRonzi, sfigaaaaaaaati! Me ne toRno a casa a guaRdaRe la tv, andate a faRe in culo!"
Happy Meemmow "Ciao!" rispose il pubblico nerd.
"Ma come ciao? - esclamò la rossa - Adesso non mi voRRete diRe che non mi RipoRtate a casa?"
La risposta fu: "FANKULO! Adesso andiamo a berci una birra! A PIEDI!"

Persino KG, che CREPAVA di SONNO, fece finta di essere giovane per SPREGIO.

"Ma... dai, ma siete dei bastaaaaaaRdi!!! Io non posso andaRe a casa da sola... è peRicoloso!"
"Allora vieni a bere con noi..."

Quando entrammo all'Eagle House, The Doom editors Foniuglia diceva solo parolacce. Era bellissima!

Tutto ciò confermava il potere dell'Eagle di trasformare una serata normale in qualcosa di epico: il Trezegone che si spacca una spalla, Piombino che sbocca un lago di merda, Schopenhauer cacciato a calci in culo... ed ora Foniuglia in una forma strepitosa. Ci devo tornare più spesso... o devo farmi pagare per starne fuori.

Comunque, un secondo dopo che il nostro culo ebbe toccato i divanetti, La bella e l´addormentatoKG si era già addormentato e Killer aveva ricominciato ad aggiungere nuovi particolari al racconto della sua OPERAZIONE al CAZZO.
Anche stavolta era vicino a Foniuglia. Che sclerava.

"Allora, che cosa bevi?" le chiesi.
"NIENTE!"
"Come niente? Tu che non bevi? Non ti riconosco più!"
"NON BEVO NIENTE! Con voi non ho voglia di beRe NIENTE!!! StRonzi!"

Di fronte a tanta meraviglia, persino Spranga, solitamente imperturbabile, Meemmow: ci piace ricordarlo così sentì che doveva intervenire.
"Ma dai, Foniuglia - sussurrò, con voce soave - non fare così... in fondo, se tu non fossi uscita con noi stasera, te ne saresti rimasta a casa tutta sola... no?"

Fu la goccia che fece traboccare il vaso.

Foniuglia ci squadrò tutti ed urlò testuali parole: "Coglione! Sfigato! Idiota! StRonzo! BastaRdi! Uomo di meRda! Ma è meglio il sabato seRa DA SOLA a faRmi LE CANNE davanti alla TV IN BIANCO E NErO, piuttosto che usciRe con voi! SFIGAAAATI!!!"

Era il trionfo!
Seguì un lungo, doveroso, applauso.

Rimanemmo all'Eagle fino alle due, giocando con gli occhiali lampeggianti di Killer ed ascoltando i monologhi della rossa che sclerava da sola, mentre KG dormiva. Come ricompensa per le belle parole, alla fine fu Spranga a riportare Foniuglia a casa. Probabilmente non l'avremmo rivista mai più.
PHEEGA A CASA MAROK
Al contrario della rossa, la mora era di ottimo umore: era sopravvissuta alla cena dei diversamente figati e questo bastava a renderla felice.

Ne approfittai per farle un po' di foto mentre mi metteva a soqquadro la casa, poi entrò nel cesso.
Era la fine.
Scaricai PORNO fino alle cinque, poi mandai l'sms "Buongiorno!" al Favone Grassone, rinunciai all'usufrutto del mio cesso ed andai a dormire.

Pausa culturale Vorrei essere un cuscino
SarÓ una splendida serata Pheega e Piombino
Vorrei essere un Aneboda Lei, lui e l´amantide
Francy meets Lamu - beta Francy meets Lamu
Francy continuum Francy Vs Francy
A lezione di informatica

Francy diventa Nerd
IL GIORNO DOPO
Mi risvegliai all'alba, mezzogiorno. E Francy era ancora nel mio cesso.
Ne uscì fuori alle 12:46, con in mano il phon.
Che organo hai sul cuscino? Non il mio phon... il SUO: se l'era PORTATO DA CASA.

La mora passò una decina di minuti ad asciugarsi i capelli davanti al mio videoregistratore. Glielo lasciai fondere senza problemi, tanto ormai non lo usavo quasi più, e mi concentrai sul mio cesso: Francy l'aveva letteralmente colonizzato, c'era roba femminile ovunque, di qualità e quantità impressionante! Purtroppo, quando stavo per tuffarmici dentro, la mora richiuse la porta... e la giornata finì così.
Pheega al cesso Magra consolazione: se anche avessi installato una webcam nel cesso per filmare Francy nuda, non mi sarebbe bastato un tera di hard disk... ci sono cose di fronte alle quali l'informatica si arrende, e la prima di queste è la pheega.

Quando il treno riportò la giovane donna lontano, mi resi conto che avevo realizzato l'esperienza più epica della mia vita: ero riuscito a portare pheega al tavolo degli informatici diversamente figati. Era la prima volta dal 1993... e, da com'era andata, sapevo che sarebbe anche stata l'ultima! Ma in fondo non era che un motivo come un altro per pronunciare l'ultimo, irrimediabile, irrinunciabile e perentorio vaffankulo.