MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Elio > Biografia | Recensioni | Midi | Video ed mp3 | Disegni | Foto | Links | Discografia | Dizionario | Ghiotti scambi

LOADING...
  Sei in: Marok.org > Elio > Discografia > Album > TGUDD


TUTTI GLI UOMINI
DEL DEFICIENTE


Tutti gli uomini del deficiente



Avete presente il film Tutti gli uomini del presidente?
Bene, non c'entra una mazza!
Avete presente il film Tutti gli uomini del deficiente?
Bene, avete di fronte la colonna sonora.

Piccola curiosità: in tutte le immagini di copertina, Christian Meyer ha sempre la stessa espressione, tipo GRUMO su marok.org, tanto che molti si sono chiesti: "Ma sarà un fotomontaggio?"
Be'... molti hanno ragione, è proprio un fotomontaggio: la testa dell'elvetico batterista Bobo è stata incollata sopra il giovane corpo del "modello" Silvio Bisi, alias la fava numero 2, che (almeno) in quell'occasione ne ha fatto corporalmente le veci!

Come nei precedenti album di EelST, non mancano gli errori di copertina: Maritto Ogami è la traccia 22 nel cd e nel retro-copertina, mentre è la 23 sul libretto!
Inoltre, nei credits di Yes I love you il grande Jantoman suonerebbe l'organo hammond mentre il buon Rocco sarebbe al piano.
E invece non è così, Rocco è il piano ne "L'indianata", mentre Jantoman suona l'organo Hammond in Tell me you love me. (tnx Meemmow)

Nella versione cd è stato anche incluso un browser personalizzato in versione "Elio e le Storie Tese" e le istruzioni per connettersi gratis a internet con Tiscali Freenet... e fin qua ci siamo.
Ma forse non tutti sanno che... ANCHE NELLA VERSIONE CASSETTA è stato incluso "un browser in versione personalizzata"! Questo, almeno, è quanto dice la copertina:

Browser analogico
Purtroppo, il mio pc non ha un lettore di cassette, quindi non ho potuto controllare se funziona.
Prossimamente, farò un test sul Commodore 16... effettivamente non l'ho mai collegato ad Internet, sarebbe un ottimo modo per incominciare!


L'arrivo
PSICHEDELIA
Ballate bastardi
YES I LOVE YOU
TELL ME YOU LOVE ME
Il sogno del coiffeur
L'INDIANATA
Tonza Patonza
RISATE A DENTI STRETTI
Ranella Impazzita
Furgoni Fratricidi
HOMMAGE À VIOLETTE NOZIÈRES
Ci sentiamo in settimana
ACIDO LATTICO
Oh yes
PALLA MEDICA
Tegole fratricide
SUPERMAISON
Mamma Non Mamma
PRESIDANCE
Pignoramento
MARITTO OGAMI

 L'Arrivo 

Frammento tratto dal gialappico film, la voce è dell'attore Arnoldo Foà.



"Siete pronti a volare attraverso nuvole quantistiche?
Solcare mari di equazioni psichedeliche in tempesta?
Giocare con grappoli di bit?"

"Ma damme 'sta cagataaaaaaaaa!"





 PSICHEDELIA 

La voce di Dio è di Lucio Dalla.
Quando entra in scena, compare una breve citazione della sigla di Lunedì Film, che Dalla aveva composto assieme agli Stadio (tnx Camyrock86).

I primi versi potrebbero essere un richiamo ad Acidi e Basi dei BluVertigo (tnx Camyrock86).

Nel brano c'è anche una ghost track che è parzialmente indecifrabile e che potete scaricare già girata al contrario cliccando qua (200kb).



Secondo le nostre orecchie, la voce dice pressappoco così: "Guarda il salumiere matto (o marcio?), il 'Mai più moscio' mi fa cagare! Rovelli, non gambizzarci!".
Che cosa vorrà mai dire? Una possibile spiegazione è legata al set di Austin Powers: gli Elii furono chiamati a curare i dialoghi italiani del primo sequel e decisero di dare al film un taglio alla Monty Python. Solo che, in sede di doppiaggio, Giorgio e Massimo Lopez modificarono parte dell'adattamento, rendendo il tutto più demenziale, e ciò fu mal digerito dagli EelST. Tra gli elementi del film modificati dai fratelli Lopez, ci potrebbe essere anche il "Mai più Moscio"! Chi sia Rovelli, però, rimarrà un mistero... potrebbe essere Carlo, il fisico della gravità quantistica a loop? Oppure Enrico, talpa dei servizi segreti? O Angelo, il discusso magnate della chimica? Oppure potrebbe essere chiunque altro sulla faccia della Terra? Boh... comunque, non li ha gambizzati. Almeno fino ad oggi, (tnx Asilorepublic/Drammatubero/NestoRe).

"Psichedelia, tutte le teste ti porti via" cita ovviamente il detto popolare "L'epifania tutte le feste si porta via". Lo scrivo per disperazione, altrimenti continuate a segnalarmelo tutti.

"C'è una bolla verde che mi insegue", invece, potrebbe essere una citazione di Ashes to Ashes di D. Bowie: "But the little green weel still following me" (tnx Bestia Modesta).
Infine, "Forse sono alto 10 metri" ricorda White Rabbit dei Jefferson Airplane: "Go ask Alice When she's ten feet tall" (tnx Vito).



Psichedelia, ti fai gli acidi e poi sei in acido.
Psichedelia, ti fai le basi e poi sei basico.
E quanti bei colori, potere dei fiori, che bello.
E chimiche emozioni, mancate erezioni, che bello lo stesso.
Psichedelia, tutte le teste ti porti via,
tutti i neuroni ti porti via.

E quante le sinapsi, le pepsi, la stipsi.
I raptus, i cactus, gli adepti.
Mi innamoro di un sasso,
c'è una bolla verde che mi insegue.
Il giaciglio mi inghiotte,
forse sono alto 10 metri.
Ho i piedi nel Tamigi, sono in grado di volare.
Sono un piccione e faccio cru.

- inizio ghost track -
Guarda il salumiere marcio,
dì: 'Ahi, mi fa cagare!'
Rovelli (?), non gambizzarci!".
- fine ghost track -

Ti vivo molto bene, piacere, pianeta Saturno,
piacere sono Giove, mi piaccion le macchine nuove.
Piacere sono Dio, mi piaccio solo io.
Nascosto nello spazio, triangolo con l'occhio.
Mi innamoro di un sasso,
come un piccione faccio cru.





 Ballate bastardi 

Il dj annuncia il prossimo frammento, dominato dalla soave voce dell'architetto Mangoni!
La profezia "potrebbe essere davvero l'ultimo" porta al nostro personaggio notevole sfiga, perché evvediche durante il film viene sparato



Okey ragazzi, e questi erano gli Sfico 'n fashion,
di Detroit, o almeno così credo!
Bene, e adesso ascoltiamo il mio ultimo remix!
Ascoltatelo bene ragazzi, perché potrebbe essere
davvero l'ultimo.

"BAL-BAL-BAL-BAL-BAL-BAL-BALLATE BASTARDI!!!
GODO!!! MERDONI BALLATE!!!"

"Presidente, si dia una mossa, cominci a giocare!
Gli altri sono già partiti, su!"





 YES I LOVE YOU 

Gran bel pezzo hard rock, e grande performance delle corde vocali di Elione, nel finale aiutato dall'amico vocoder. È ignoto ai più, ma questo è uno dei primissimi brani del complessino ed apriva i concerti del tour 1985.
Il riff iniziale, rallentato, ricorda vagamente il riff di When the Levee Breaks dei Led Zeppelin (tnx Rombo).
Ed il ritornello ricorda quello di Viva Forever delle Spice Girls... che all'epoca probabilmente andavano alle medie.



Colgo un fiorellino di montagna,
perché sei tu il mio amor,
perché con questo fiore raccolto su in montagna
spero di portarti in montagna,
perché la più bella sei per me.

Yes I love you in the sky forever, forever.
Yes I love you in the sky forever, forever.

Quando guarderai il mio fiorellino,
tu penserai a me. Io penserò che tu mi stai pensando,
poi domani tornerò in montagna.
Spero di portarti insieme a me.

Yes I love you in the sky forever, forever.
Yes I love you in the sky forever, forever.

Yes I love you in the sky forever, forever.
Yes I love you in the sky forever, forever.





 TELL ME YOU LOVE ME 


Vera chicca, si tratta della cover dell'omonimo brano di Frank Zappa registrata dal vivo dal grande Phophpho in occasione dello Zappa Day di Sarteano (AR) del 25 luglio del 1998 Le seconde voci sono di Feiez e Sergione Tanica



Tell me you love me! Tell me you love me!
Like I want you to.
Tell me you love me! Tell me you love me!
Girl! Girl! Girl!

I love you so hard now, I'm crying for you.
Don't make me lose my pride. I want to come inside,
and grab ahold of you. Thank you!
And grab ahold of you.
Tell me you love me! Tell me you love me!
Like I want you to.
Tell me you love me! Tell me you love me!
Girl! Girl! Girl!

I wanna feel it, give me your love now!
Don't make me steal it. Don't make me steal it.
Tell me you love me! Tell me you love me!
Tell me you love me! Tell me you love me!
Tell me you love me! Tell me you love me!
Tell me you love me! Tell me you love me!

Tell me you love me! Tell me you love me!
Like I want you to.
Tell me you love me! Tell me you love me!
Girl! Girl! Girl!
I love you so hard, now I'm crying for you.
Burning with fire, I got a hot desire.

'Cause I wanna make love to you.
'Cause I wanna make love with you. Baby.
'Cause I wanna make love with you.
'Cause I wanna make love with you.
Tell me you love me! Like I want you to.
Tell me you love me! Like I want you to.
Tell me you love me! Like I want you to.

Non applaudite noi, applaudite Francone!!!





 Il sogno del coiffeur 


"No dico, ci sarà una commissione, immagino
una giuria, delle persone qualificate!"

"Eh, come no, qualificatissime!"

"Chi è che alla domanda
'Poseresti in topless' ha risposto
'È un po' il mio sogno?'"





 L'INDIANATA 


Erede della sempre mitica alfieri, vede tutti i membri del simpatico complessino cimentarsi nel canto, un verso a testa.
Elio ama definire questo un brano di genere "gezz".
Mentre il jazz è improvvisazione su un tema musicale, questa è un'improvvisazione sul tema della casalinga alcolizzata, e chi ha avuto la fortuna di vederla dal vivo saprà che il testo è diverso ad ogni concerto! E questo è molto bello.
Coloro che leggeranno queste righe nell'anno 3020 *forse* potranno ascoltarne una versione live nel dvd dei Lugano Tapes (nella versione vhs non c'è!)

Nell'album la batteria è suonata da Curt Cress, il sax tenore da Giancarlo Porro, la tromba da Emilio Soana e, udite udite, il sax alto è del buon PAOLONE FEIEZ!
Che è anche l'arrangiatore dei fiati, insieme a Faso, e il registratore, insieme a Jon Jacobs.
Quando il Civas canta "perché tu sei per me" suona gli accordi di Soul Man di Sam and Dave, canzone resa celebre anche dai Blues Brothers (tnx Monnezza3).
L'inizio è ovviamente una citazione di Albachiara del vecchio Vasco (tnx Don Diego).



I tuoi problemi, i tuoi pensieri.
I tuoi pensieri, i tuoi problemi.
I tuoi problemi, la tua femminilità.
La tua femminilità, le tue amarezze.
Le tue amarezze, le tue carezze.
Le tue carezze, la tua sensualità.
La tua sensualità, la tua volubilità.
La tua volubilità, le tue disperazioni.
Le tue disperazioni, le tue grandi sbornie.
Le tue grandi sbornie, di casalinga alcolizzata.
Di casalinga alcolizzata, che cerchi nell'alcool.
Che cerchi nell'alcool, la felicità.
La tua felicità.

I tuoi problemi, le tue amarezze,
le tue incertezze.

Perché, tu sei, per me.

In primo luogo la tua libertà.
La tua libertà, nella timidezza.
Nella timidezza, nel tuo sorriso.
Nel tuo sorriso, un sorriso beffardo.
Un sorriso beffardo, di fronte all'amore.
Di fronte all'amore c'è poco da dire.
Sì, c'è poco da dire e c'è poco da fare.
C'è poco da fare, non resta che bere.
Non resta che bere una bottiglia di gin.

I tuoi problemi, le tue amarezze,
le tue cose.

Perché, tu sei, per me.

Casalinga alcolizzata, casalinga alcolizzata,
casalinga alcolizzata, casalinga.





 Tonza Patonza 

C'è una citazione di "You sexy thing" degli Hot Chocolate.
E perché c'è una citazione di "You sexy thing" degli Hot Chocolate?
Be', "You sexy thing" degli Hot Chocolate, tra le altre cose, è la colonna sonora del film Full monty, e il film Full Monty, come le giovani donne sapranno, parla di giovani uomini che si spogliano a pagamento.
Dei colleghi, insomma.
Quale migliore colonna sonora per celebrare lo spogliarello di Marina Massironi in Tutti gli uomini del deficiente?
Tutte le percussioni di "Tonza patonza" sono suonate da Faso con la bocca.



Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Patonza!

Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!

Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Ti lecco la patonza!

Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!

Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!

Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!
Tonza patonza! Tonza patonza!

Patoooooooooooooonza





 RISATE A DENTI STRETTI 


Questo brano si basa su un programma di sintesi vocale, avete presente la voce del 1412? Ecco, quello!
E un saluto al mio amico Kompagno Gillette che ci lavora!:D
Ma voi pensavate che questo era un brano nuovo?
Pensavate male! Risale al lontano 1995 ed è un parto della mente geniale di MC Costa!
Il titolo del brano è naturalmente un omaggio all'omonima celebre pagina della Settimana Enigmistica.



Risate a denti stretti.
Un signore entra in un caffè, splash.
"Dottore, c'ho un organo piccolino"
e il dottore: "Vada a suonare in una chiesetta".

Lai-la la, la, la, la - ah, lai - la la, la - ha.
Lai-la la, la, la, la - ah, che ridere, la.

"Dottore, mangio pasta e cago pasta;,
mangio ravioli e cago ravioli".

E il dottore: "Mangi merda".

La maestra chiede a Pierino:
"Pierino, dimmi una parola lunga".
E Pierino: "Elastico!".
E la maestra: "Ma l'elastico non è una parola lunga";
e Pierino: "No, ma se la tira si allunga!".

Lai-la la, la, la, la - ah, lai - la la, la - ha.
Lai-la la, la, la, la - ah, che ridere, la.

Un tale si reca all'aereoprto,
e nota fra i vari distributori automatici
una macchinetta molto particolare,
con sopra la scritta: "sostituisce la donna"
e un foro circolare.
Quel signore si chiede:
"Sostituisce la donna? In che senso?"
Comunque, incuriosito ma anche circospetto,
infila prima i soldi poi il membro nel foro.
Passano alcuni istanti, poi prorompe in un urlo lancinante:
"Aaaah!".
Estrae il membro e c'è cucito sopra un bottone.

Un signore entra in un caffè.
Un signore entra in un caffè.
Un signore, un signore, un signore entra in un caffè,
splash.

Lai-la la, la, la, la - ah, lai - la la, la - ha.
Lai-la la, la, la, la - ah, che ridere, la.
Lai-la la, la, la, la - ah, lai - la la, la - ha.
Lai-la la, la, la, la - ah, che ridere, la.

Sapete come si chiama il playboy in pensione? Gustavo Lafiga.
E la puttana giapponese? Sudo Magodo.
E il ministro dei trasporti cinese? Fur Gon Cin.
E il campione giapponese di ping pong? Yoko Poko Maioko.
E l'attore più ubriaco del mondo? Marlon Brandy.
E il più grande nuotatore tedesco? Otto Vaske.
Osteria numero venti, paraponzi ponzi po.
"Pronto, casa Tomba?"; "Sci".
Sapete come fanno quattro elefanti a stare su una 500?
Quattro davanti.
Cosa fa una Kawasaki in riva al mare?
Aspetta l'Honda.
"Pronto, Sip?" "Nop!".
"Pronto, Telecom?" "Nop".
Un italiano, un francese e un tedesco
vanno su un aereo; l'aereo precipita
e i tre? Muiono.
Sapete cosa fa Mike Bongiorno di notte?
Mike Buonanotte.
Ti che te tache, ti che te tache,
ti che te tache, ti che te tache.
Ti che te tache,
ti che te tache ti tacc, atacume i tacc.
Mi tacarti i tacc a ti che te tache i tacc?
Tachete ti to tacc, stronzo.

Uollano.

Barzellette, barzellette, barzellette, che ridere.
Barzellette, barzellette, barzellette, mi spancio.
Barzellette, barzellette, barzellette.
Barzellette, barzellette, barzellette, mi spancio
Barzellette, barzellette, barzellette.
Barzellette, barzellette, barzellette, mi spancio.
Barzellette, barzellette...






 Ranella Impazzita 

Gli ho messo un acido nella birra!
Anche tu?





 Furgoni Fratricidi 

Ripresa strumentale del tema di psichedelia, le parti orchestrali in sottofondo ricordano un po' Beethoven, un po' Cajkovskij ed anche un po' George Martin e la colonna sonora di YELLOW SUBMARINE, psichedelissimo film dei Beatles (tnx Asbesto/Rho77/Daniele).






 HOMMAGE À VIOLETTE NOZIÉRES 

Cover dell'omonimo brano degli Area, che potete trovare nel loro album "Gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano".
Che dire... il caro vecchio mitico Demetrio Stratos cantava bitonale senza nessun aiuto, per gli altri esseri mortali... c'è il computer! :D
Da notare al violino Mauro Pagani, ex violinista dei PFM.
Da notare Cesareo che suona il bouzouki!
Cos'è il bouzouki?
Non sapete cos'è il bouzouki???!
Ignoranti! Cercatevelo su google! (tnx Grumo)



So che se fossi pazzo e dopo internato
approfitterei di un momento di lucidità
Lasciate il mio delirio
mio unico martirio
che faccia fuori meglio un dottore, sì un dottore.
Credo che ci guadagnerei
come gli agitati
in cella finalmente, lasciato in pace
tutto tace.

So che se fossi pazzo e dopo internato
approfitterei di un momento di lucidità
Lasciate il mio delirio
mio unico martirio
che faccia fuori meglio un dottore, sì un dottore.
Credo che ci guadagnerei
come gli agitati
in cella finalmente, lasciato in pace
tutto tace.

"Eh, dove sono andato...
sono andato a Splugen, in Svizzera!
Per il congresso sulla cardiologia
vascolare applicata.
Applicata a questo bel paio di coglioni!!!
Va bene?"





 Ci sentiamo in settimana 

Strumentale, ricorda molto Wicked Game di Chris Isaac (tnx Lelevez).






 ACIDO LATTICO 

Lo stile ricorda molto il sound dei dischi degli XTC del loro periodo psichedelico, in particolare gli album ORANGES AND LEMONS o NONSUCH (tnx Daniele C.)
Lo stacchetto musicale tra le strofe è molto simile all'inizio di Fly like an eagle della Steve Miller Band (tnx Lelevez).
Inoltre, i cori finali hanno una discreta somiglianza con i cori finali di "Message in a Bottle" dei Police, quando ripetono "Send another SOS" (tnx Marchino).


Giornate intere trascorse chiuso in casa
senza mai muovermi, il corpo ne risente.
Sogno una corsa all'aria aperta;
son fuori forma, comincio lentamente.

Pago un periodo vissuto intensamente,
troppo lavoro, il corpo ne risente;
faccio una cosa, ne faccio un'altra,
a testa bassa, meglio di niente.

Metto le scarpe e la tuta da ginnastica,
mi metto a correre e mi gira un po' la testa;
continuo a correre a testa bassa,
sento un dolore nelle ossa:
acido lattico.

Acido lattico oh yeah.
Acido lattico.
Acido lattico oh yeah.

Acido lattico lo sento nel ginocchio,
acido lattico lo sento nella mente,
acido lattico torno alla vita,
acido lattico meglio di un acido.

Acido lattico.
Acido lattico oh yeah.
Acido lattico.
Acido lattico oh yeah.
Acido lattico.
Acido lattico oh yeah.
Acido lattico.
Acido lattico oh yeah.
yeah, yeah, yeah, yeah

Acido lattico per le fibre muscolari.
Acido lattico oh yeah.
Acido lattico per le fibre muscolari.
Per le fibre muscolari!
Per le fibre muscolari!
Per le fibre muscolari!






 Oh yes 

Gospel, ai cori Francesca Touré,
ottima vocalist della Biba Band!






 PALLA MEDICA 

La voce recitante è di Elio, il cantante è Faso, che suona anche il basso e la chitarra.
C'è inoltre un probabile campionamento di Space Jam di Will Smith (tnx Jacopo).



Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla.

Passami la palla, voglio giocare con voi!
Passami la palla, è tutto quello che ho.

Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla, tirami la palla.
Passami la palla.

Con una palla posso fare delle cose mirabolanti.
Posso prendere, tirare, liberarmi dalle menate.
Basta un calcio ben assestato a scaraventarla in una rete.

Oppure posso buttarla nel canestro con estro nel cesto.
Posso fare un ace, una volée, un pallonetto gol,
meta canestro da tre punti, da tre punti, da tre punti.
Vaffanculo e passami la palla.
Ecche ccazzo non è solo tua la palla, uhee.

Con una mazza affusolata colpendo la pallina,
la faccio volare via, via, via, vola via, vola via.
Vai pallina! Trasformati in uccello,
vola nel cielo e trasformati in un puntino
che tra un po', minghia, non lo vedo più.
Evvedi che hai fatto una battuta da un miliardo di punti
con la palla. E tutto grazie alla palla.

E tirami la palla, passami la palla che vado a punto.
E dai, e passami sta palla, perché la palla,
perché la palla è una palla.





 Tegole Fratricide 

Brano strumentale.
Guastardo segnala che la traccia è stata utilizzata nel 2001 da Canale 5 come sigla del misconosciuto contenitore domenical-mattutino-animato "Tiratardi" che trasmetteva verso le 11 della domenica mattina i cartoni degli "Antenati".







 SUPERMAISON 

Per le tematiche trattate, i suoni ed alcune citazioni ("comprendimi" / "non vuoi comprendere"), la canzone sembrerebbe una risposta artistica e spirituale a "Noi due nel mondo e nell'anima" dei Pooh (tnx Valecalimero).




Lo farei, ma adesso no.
Ti vorrei, però mi è venuto sonno.
Comprendimi, non vuoi comprendere
che non è colpa tua,
sì, perché
io sto benissimo solo a casa mia,
con le mie babbucce
e una tutina da sport.

Sono stanchissimo, io mi fermo qui
con le mie babbucce: io sono Super Maison.
Come stai? Rilassati...
Cosa c'è, cos'hai,
non ti piaccio più?
Difficile, con me, sentirsi su.
Purtroppo io sbadiglio e tu vai...
E tu vai.





 Mamma non mamma 

L'intro è probabilmente una citazione di "I'll never smile again" di Lowe (1939).



Elio:
"Allora cari amici, adesso c'è
una canzone di cui vado fiero!"

Gialappa's:
"Ah!"

Elio:
"Abbiamo fatto satira politica..."

Gialappa's:
"Bene!"

Elio:
"...con Raffaella Carrà,
bene però, in un modo delicato..."

Gialappa's:
"No... non sarà mica Presidance!"

Elio:
"Presidance!"

Gialappa's:
"Ma cosa!!! Ma ti sembra satira?!?
E rubano tutti? Ma cos'è???
Ma chi l'ha scritta, Forattini, quella roba lì?"

Elio:
"Ma non capite proprio niente voi!"







 PRESIDANCE 

In questo brano troviamo Raffaella Carrà alla voce ed il grandissimo Pacho alle percussioni.
Chi ha sentito un concerto del tour teatrale del 2000 avrà notato l'esilarante accenno a Presidance suonata con il flauto dolce soprano delle medie all'interno del Medley Unplugged, erede della vecchia Perdo anche l'ultimo dente e cerco di riavvitarlo.
Il tema iniziale di pianoforte, che Rocco suona mentre Elio canta "Non uscire col ministro senza portafoglio..." (ed anche più avanti, quando lo canta la Carrà), viene dal famosissimo inizio di "Tubular Bells" (1973 o 2003 che sia) del MITICO Mike Oldfield... avete presente il tema dell'Esorcista? Ecco, quello! (tnx Ugo Coppola)



Non uscire col ministro senza portafoglio
perché il conto poi pagare ti fa!

Se al presidente ha fatto male un dente
passa il potere al vicepresidente.
E se anche il vicepresidente ha male a un dente
avanti il prossimo e avrà la presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Balla il ministro insieme al portaborse
Balla il garante con la sua privacy.
E il cancelliere tira il cancellino,
scancella la tristezza e va a bailar la presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Me gusta mucho la par condicio
Voglio un inciucio con un muchacho
O Francia o Spagna purché se magna
E dopo el ballottaggio ballottiam la presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Non uscire col ministro senza portafoglio
Perché il conto poi pagare ti fa
E se ti scappa di andare al gabinetto
Chiedi al capo gabinetto
che con te poi ballerà la presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Balla il senato e balla il senatore,
ma quello a vita balla un po' di più.
E i deputati, 'sti figli deputati,
si firmano l'aumento.
si assentano in seicento.
E todo el parlamiento va a bailar la presidance

Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance, dancin' presidance
Dance dance dance, boogie presidance

Dance dance dance dance,
Dance dance dance, boogie presidance
Dance dance dance dance,
boogie presidance





 Pignoramento 

Citazione di un vecchio brano di Claudio Bisio, scritto con Rocco Tanica ed interpretato con Paolone Feiez nello spettacolo teatrale Tersa Repubblica.



Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.

Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.

Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.

Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.

Pignoramento.
Pignoramento.
Pignoramento.

Pignoramento.

A quell'epoca ero un convinto assertore
del libero amore e della liberalizzazione delle droghe leggere
che distribuivo gratuitamente in pubblico.







 MARITTO OGAMI 

Strumentale con percussioni stile afro/primitiv/neanderthal/arborigeno.



Uollano.
Fine delle trasmissioni.



Se vi vengono in mente particolari da aggiungere, cose simpatiche e cervellotiche da scrivere su questo disco, o anche se avete trovato degli errori... !

Con la vostra missiva abbellirò la mia latrina, con le vostre parole solleticherò i miei pertugi, ma non vi preoccupate... anche questo è amore!