MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Elio > Biografia | Recensioni | Midi | Video ed mp3 | Disegni | Foto | Links | Discografia | Dizionario | Ghiotti scambi

LOADING...
  Sei in: Marok.org > Elio > Discografia > Inediti > A te che sei


A TE CHE SEI

Brano natalizio tratto da "A te" di Jovanotti, dall'album "Safari" del 2008.
Il testo è di Sergio Conforti, i cantanti sono i Deejay All Star, una selezione di presentatori di Radio Deejay. Cantano anche lo stesso Jovanotti e, udite udite, ELIO e, soprattutto, MANGONI.
Si può scaricare l'mp3 gratuitamente dal sito di Radio Dj.
Con la strofa: "la radio dentro la mia stanza e tutto il mondo fuori" c’è una chiara citazione testuale del brano "Albachiara" di Vasco Rossi.
"Cherubini" è un evidente riferimento a Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti.
Del brano è stato realizzato un bellissimo video in cui ben compare qualche nostra vecchia conoscenza... tra tutti, segnalo Cesareo che suona l'assolo finale vestito da Babbo Natale. Il video è visibile aggratis qua.


A te che sei l'unica al mondo, l'unica canzone
che ascolterei sempre da capo e poi di nuovo ancora,
musica in volo dentro a un giorno pieno di parole
il cuore al centro di una notte che non fa paura.

A te che sei come una bimba dalle guance rosa
come la mia ragazza e il sole sopra un cielo blu,
a te che hai sempre il mega-ciclo ma non sei nervosa,
a te che ascolto in diffusione e che rivedo in tv.

A te che suoni forte e chiaro che è una meraviglia,
e io che provo a prender te come tu prendi me,
fai scomparire tutto il grigio e mescoli i colori,
la radio dentro la mia stanza e tutto il mondo fuori.

A te che sei, semplicemente sei
amica dei giorni miei, compagna dei giorni miei.

A te che sei di una frequenza la modulazione,
che sei presenza, voce e suono ideale per me
una nazione intera dentro una radiostazione
che mi cattura, mi sorride, che mi porta con sè

A te che ascolto in motocarro, in treno e in torpedone
dentro a un auto, in velocipede e sull'ovovia,
che in certe zone non si sente e gira un po' il coglione
ma spesso e volentieri torni in piena sintonia.

E adesso che verrà l'inverno e tornerà Natale
e attenderò la prima neve per giocarci con te,
sui tetti bianchi, fra le antenne tu mia principessa
che cambi un poco tutti i giorni e resti sempre la stessa.

A te che sei, semplicemente sei,
amica dei giorni miei, compagna dei giorni miei.

<Mangoni>E poi lo sai</Mangoni>
ci sono cinque o sei
<Elio>motivi per cui farei
Natale a Radio Deejay</Elio>

Il primo è che ci arrivo in slitta con il panettone,
tu già lo sai qual è il secondo: festeggiare con te.
Terzo motivo è che mi sento ancora un bambinone,
e che a Natale son contento senza un vero perchè.

Il quarto è che Babbo Natale canterà allo stadio,
il quinto è che i Re Magi in coro si uniranno al refrain.
Il sesto è una canzone che la sentirai alla radio,
più che un motivo è un motivetto e fa all'incirca così.

(Fischiettando)
Fiù fiù fiù fiù fiù fiù
Fiù fiù fiù fiù fiù fiù

l'ha scritta un vecchio amico che fa i dischi sopraffini,
lo canteranno insieme belli, brutti e Cherubini,
perchè il Natale sta arrivando e per fortuna che c'è.

E a te che sei
semplicemente sei
sostanza dei giorni miei
auguri Radio Deejay!

E a te che sei
semplicemente sei
sostanza dei giorni miei
<Elio>radio dei sogni</Elio>
(Charleston)

(Parlato) Auguri!
Radio Deejay

(Assolo di chitarra)


Grazie a Cops